Economia & Lavoro

“Solo Autoctoni” impulso e forza al nome del Monferrato e alle sue eccellenze enologiche

Scritto da La redazione Martedì, 11 Feb 2020 - 0 Commenti

Promuovere insieme il Monferrato: firmata la costituzione dell’Associazione Temporanea di Imprese tra le Associazioni di Produttori sotto la guida del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato.

Si chiama “Solo Autoctoni” il programma di promozione sviluppato nell’ambito del Psr sottomisura 3.2 che supporta il rinnovamento dell’Associazione temporanea di imprese (Ati) del Monferrato del vino.

Un organismo che mette assieme, per il tempo del piano di sviluppo rurale, il promotore Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, il capofila rappresentato dall’Associazione Produttori del Nizza, l’Associazione Produttori Ruché di Castagnole Monferrato Docg, l’Associazione Produttori Grignolino d’Asti Doc e l’Associazione Produttori Albarossa, unite per concertare strategie di promozione e comunicazione.

Un progetto che vale 300.000 euro e che sostiene, in una logica di collaborazione, le iniziative promosse dalle singole denominazioni, dagli eventi per il pubblico, agli incoming con i giornalisti di settore, alle degustazioni. Operazioni necessarie per imprimere impulso e forza al nome del Monferrato e alle sue eccellenze enologiche. Partner food del progetto anche il Consorzio di Tutela del Formaggio Toma Piemontese Dop.

"Il ruolo di coordinamento del Consorzio in questa operazione è un segnale molto importante nei riguardi di quella galassia vinicola che definisce il Monferrato come un territorio unico al mondo – commenta Filippo MobriciPresidente Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato – Soltanto muovendosi assieme e in sinergia è possibile promuovere concretamente tutte le denominazioni con uguale efficacia. È nostro obiettivo cercare di concertare strategie comuni che abbiano al centro l’eccellenza dei nostri vini e il potenziale turistico, economico e di immagine che possono esprimere".

"L’ATI, della quale il Nizza è capofila, è lo strumento scelto per poter accedere a quei fondi che contribuiranno a finanziare le attività svolte durante il 2020 per la promozione – spiega Gianni BertolinoPresidente Associazione Produttori del Nizza  Nel caso della nostra denominazione, ‘Orizzonte Nizza’, ‘Nata il primo luglio’ e ‘Forum Nizza’ sono solo alcuni degli eventi ai quali verranno destinati i fondi europei e regionali. Ritengo inoltre che questa associazione temporanea possa essere il motivo per avviare una collaborazione volta alla creazione di un ideale percorso nel Monferrato alla scoperta delle sue denominazioni d’eccellenza e delle manifestazioni aperte al pubblico. Il Monferrato, storicamente una delle zone più vocate alla coltura della vite e alla produzione di vini che hanno fatto la storia dell’enologia italiana, fortunatamente non è una zonaviticola mono-vitigno e i produttori non l’hanno dimenticato". 

"Sono molto soddisfatto di questo nuovo accordo – commenta Luca Ferraris, Presidente Associazione Produttori Ruché – La collaborazione sinergica tra associazioni di produttori ha portato a risultati forti e evidenti, un vero e proprio impulso ai numeri delle denominazioni che, per quanto riguarda il Ruchè, si esprime in primo luogo nel traguardo del milione di bottiglie".

"La ricostituzione dell’associazione, dopo la positiva esperienza di due anni fa, è un segnale importante – dice Dante GarronePresidente Associazione Grignolino – Un’occasione che consente a ciascuno di maturare nuova esperienza e di aprire nuove occasioni per tutte le denominazioni. È il momento giusto per agire in questa direzione".

"Un’esperienza che replichiamo con grande interesse e che auspichiamo possa continuare a avere seguito in futuro – asserisce Alberto ChiarloPresidente Associazione Produttori Albarossa – Il progetto dell’associazione permette anche alle denominazioni più giovani di partecipare a eventi di prima importanza, grazie a una visione comune e a una collaborazione virtuosa che promuove il territorio in maniera unitaria e globale".