Cronaca

Soccorso Alpino, ancora vittime in montagna, sul Monte Rosa un morto: difficile recupero della salma

Scritto da Redazione Sabato, 20 Lug 2019 - 0 Commenti

Una chiamata pervenuta dalla cresta est del Monviso (Cuneo). Due alpinisti di nazionalitá francese sono bloccati a causa della nebbia. Sono illesi ma incapaci a proseguire e a fornire indicazioni precise sulla loro localizzazione.

Complesso intervento in corso nel massiccio del Monte Rosa, alta Val Sesia (Vercelli) da parte dei tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese.

Un alpinista è precipitato durante l'ascesa della Punta Giordani (4046 m) lungo la Cresta del Soldato. Una Guida alpina che era in zona con i propri clienti ha assistito alla caduta dell'uomo, presumibilmente lungo il versante est della montagna, e ha dato l'allarme alla centrale operativa di Aosta che ha mandato in loco l'eliambulanza.

Purtroppo a causa delle condizioni meteo in peggioramento i tecnici a bordo hanno soltanto individuato i compagni di cordata dell'alpinista precipitato, senza riuscire ad avvicinarsi.

Dopo svariati tentativi l'elicottero valdostano è rientrato in base passando l'intervento al Soccorso Alpino Piemontese che ha attivato l'eliambulanza 118 per il trasporto in quota delle squadre a terra.

In questo momento la strategia prevede di raggiungere i due superstiti via terra e riportarli a valle in sicurezza oltre a localizzare il precipitato valutando le possibilità di recupero.

Altro intervento del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese per una chiamata pervenuta dalla cresta est del Monviso (Cuneo).

Due alpinisti di nazionalitá francese sono bloccati a causa della nebbia. Sono illesi ma incapaci a proseguire e a fornire indicazioni precise sulla loro localizzazione.

A causa del maltempo non è attualmente possibile recuperarli con l'elicottero, ma le segnalazioni provenienti dai tecnici in loco indicano un miglioramento atteso nel pomeriggio.

Ai dispersi è stato consigliato di non muoversi da dove si trovano e i tecnici del soccorso alpino sono già operativi pronti a intervenire in attesa della prima schiarita.