Economia & Lavoro

Proroga contributi colf e badanti, slitta al 10 giugno 2020 la rata del 10 aprile 2020

Scritto da Redazione Giovedì, 19 Mar 2020 - 0 Commenti

Il decreto Cura Italia del 16 marzo 2020 dedica un articolo specifico ai contributi dovuti dai datori di lavoro domestico. Per quelli in scadenza nel periodo tra il 23 febbraio ed il 31 maggio 2020 è disposta una proroga fino al 10 giugno 2020.

Proroga dei contributi di colf e badanti: l’emergenza coronavirus sospende i pagamenti dei datori di lavoro domestico fino al 31 maggio 2020.

Il decreto Cura Italia del 16 marzo 2020 dedica un articolo specifico ai contributi dovuti dai datori di lavoro domestico. Per quelli in scadenza nel periodo tra il 23 febbraio ed il 31 maggio 2020 è disposta una proroga fino al 10 giugno 2020.

Il rinvio riguarda, nello specifico, la prima rata dei contributi dovuti dai datori di lavoro di colf, badanti e collaboratori domestici, il cui termine ordinario è fissato al 10 aprile di ciascun anno.

In attesa del testo ufficiale del decreto Cura Italia, approvato nel corso del Consiglio dei Ministri del 16 marzo 2020, analizziamo le misure contenute nell’ultima bozza disponibile.

Per quel che riguarda i datori di lavoro domestico, viene prevista la sospensione dal pagamento dei contributi previdenziali ed assistenziali, compresi i premi per l’assicurazione INAIL, in scadenza nel periodo compreso tra il 23 febbraio ed il 31 maggio 2020.

Il pagamento dei contributi dovuti in favore di colf e badanti potrà essere effettuato entro la scadenza del 10 giugno 2020, ovviamente senza l’applicazione di interessi e sanzioni.

Chi ha già pagato la quota di contributi INPS e INAIL dovuti per i lavoratori domestici alle proprie dipendenze non avrà diritto al rimborso della quota versata.

Per comprendere il perimetro delle novità contenute nel decreto economico per l’emergenza coronavirus è utile riprendere il calendario delle scadenze dei contributi dovuti dai datori di lavoro domestico.

contributi di colf e badanti devono essere pagati trimestralmente, sulla base delle seguenti scadenze:

  • dal 1° al 10 aprile per il primo trimestre;
  • dal 1° al 10 luglio per il secondo trimestre;
  • dal 1° al 10 ottobre per il terzo trimestre;
  • dal 1° al 10 gennaio dell’anno successivo per il quarto trimestre.

La proroga prevista del decreto Cura Italia del 16 marzo 2020 rinvia le scadenze intercorrenti tra il 23 febbraio ed il 31 maggio e, considerando i termini ordinari di pagamento, il rinvio si applica alla prima rata dei contributi.

 

 

Foto tratta da https://factory.coop/lavoro-in-italia-la-crisi-se-ne-va-ed-e-boom-delle-badanti/