Salute & Ambiente

L'ospedale di Verduno centro di riferimento di tutto il Piemonte per l’emergenza coronavirus

Scritto da Redazione Martedì, 17 Mar 2020 - 0 Commenti

L’apertura era in programma a fine maggio, ma ora è una necessità improrogabile. Da settimane l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi lavora affinché l’ospedale possa aprire immediatamente.

20 ore fa Alberto Cirio, Governatore della Regione Piemonte, scriveva sul suo profilo Facebook:

"Entro oggi nominerò Giovanni Monchiero commissario straordinario per aprire il nuovo #ospedale di #Verduno e farlo diventare centro di riferimento di tutto il Piemonte per l’emergenza #coronavirus.

L’apertura era in programma a fine maggio, ma ora è una necessità improrogabile. Da settimane l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi lavora affinché l’ospedale possa aprire immediatamente.

Questa struttura è stata attesa per 20 anni ed è stata realizzata grazie alla grande generosità degli imprenditori e dei cittadini di Langhe e Roero che, attraverso la Fondazione nata per il nuovo ospedale, hanno investito di tasca propria milioni di euro e lavoro perché potesse essere finalmente completato.

Avevamo detto che, per rispetto, lo avremmo aperto in silenzio. Mai avremmo pensato di doverlo fare con urgenza per una situazione come quella attuale.

Ma oggi più che mai poter contare su una struttura sanitaria completamente nuova e di ultima generazione come questa sarà una risorsa vitale per tutta la nostra regione".

 

Giovanni Monchiero ha ricoperto diversi incarichi nell'ambito dell'amministrazione sanitaria della regione Piemonte, dirigendo per circa sedici anni, tra il 1991 e il 2012 (con alcune interruzioni) l'Asl CN2 e, tra il 2002 e il 2006, l'azienda sanitaria ospedaliera San Giovanni Battista (l'ospedale delle Molinette, a Torino), prima di essere eletto deputato nelle fila di "Scelta Civica per l'Italia" nel 2013.