Cronaca

Guai per un cinquantenne astigiano per post e video sui social

Scritto da Redazione Giovedì, 30 Apr 2020 - 0 Commenti

I reati ipotizzati sono vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate, diffamazione, diffusione di notizie false, offesa all'onore o al prestigio del Presidente della Repubblica e istigazione a delinquere e a disobbedire alle leggi.

Postava video e messaggi su Facebook spiegando che l'emergenza sanitaria è sovrastimata e incitava le persone a violare la legge, arrivando a ipotizzare il compimento di atti violenti.

Inoltre inveiva contro le più alte cariche dello Stato e le forze dell'ordine.

Con queste accuse un 51enne astigiano è stato indagato dalla Digos: i reati ipotizzati sono vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate, diffamazione, diffusione di notizie false, offesa all'onore o al prestigio del Presidente della Repubblica e istigazione a delinquere e a disobbedire alle leggi.

Il 51enne aveva diversi profili Facebook dai quali faceva dirette video, alcuni con centinaia di visualizzazioni.

Gli agenti hanno perquisito l'abitazione dell'astigiano e hanno sequestrato alcune apparecchiature elettroniche, utilizzate per collegarsi al social network, e alcuni fucili detenuti illegalmente (fonte e foto Ansa).