Territorio & Eventi

A Fubine la premiazione ufficiale di "Dopo l'UNESCO, Agisco!"

Scritto da La redazione Lunedì, 2 Dic 2019 - 0 Commenti

Avrà luogo lunedì 9 dicembre dalle 9.30 alle 13 a Fubine (AL), presso il Teatro dei Batù, in via P. Longo. Per i Comuni UNESCO trionfa Sala Monferrato (AL). Nei Comuni limitrofi si impone Calliano (AT). Al secondo posto la squadra di Grazzano Badoglio (AT), già alla sua quinta partecipazione a Io Agisco, cui segue Montabone (AT), che si distingue per la forte sinergia tra Comune e cittadini, sfociata anche in un'intensa campagna social.

Il progetto che coinvolge in totale 162 Comuni, dei quali 100 compresi nel sito UNESCO "Paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato" e 62 nei comuni limitrofi al sito, ha saputo, in questi anni, trasformare la competizione “Dopo l’UNESCO, Agisco!” tra territori, in una spinta positiva a fare squadra, risvegliando il senso di comunità e l’orgoglio di portare avanti piccoli e grandi gesti di bellezza. 

La Premiazione della quinta edizione di "Dopo l'UNESCO, agisco!", avrà luogo lunedì 9 dicembre dalle 9.30 alle 13 a Fubine (AL), presso il Teatro dei Batù, in via P. Longo, alla presenza dell’assessore alla Cultura, al Turismo e al Commercio della Regione Piemonte, Vittoria Poggio e al presidente dell’Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato,  Gianfranco Comaschi .

Questa quinta edizione di "Dopo l'UNESCO, agisco!", progetto ideato dalla Regione Piemonte - è stata la più partecipata, la più appassionante. IoAgisco (www.ioagisco.it) è una vetrina virtuale delle piccole e grandi azioni reali di amministratori, aziende, scuole e cittadini: azioni artistiche, di accoglienza, di pulizia ambientale, di cura del verde, di recupero e valorizzazione. Piccoli e grandi gesti di bellezza come atto di responsabilità personale e manifestazione di rispetto e orgoglio per la propria terra.

Dal 2019 sono stati coinvolti infatti alcuni Comuni limitrofi su indicazione dell’Associazione per il patrimonio dei Paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, al fine di sensibilizzare il maggior numero di persone nella tutela di questi luoghi straordinari. I criteri di selezione sono stati i seguenti: paesaggio agricolo e particolarmente vitato ; presenza di castelli ben conservati e fruibili al pubblico; zone di pregio del vino. Sono 57 le squadre dei Comuni di Langhe-Roero e Monferrato che hanno partecipato  all’edizione 2019 di “Dopo l’UNESCO, agisco!”. Un risultato sorprendente, segno della grande vitalità e dell’impegno costante di amministratori e cittadini nella tutela e conservazione di questi luoghi straordinari. Un obiettivo che “Dopo l’UNESCO, agisco!” persegue con un crescente successo nella partecipazione dei Comuni e dei cittadini : un’iniziativa, fatta da un gioco  che premia chi si è distinto per azioni o iniziative volte a migliorare lo spazio e il paesaggio urbano e naturale, con una logica di coinvolgimento dal basso e rivolta a tutta la popolazione.

La classifica delle squadre dei Comuni UNESCO ha visto la vittoria di Sala Monferrato (AL), con 38 progetti pubblicati sul sito www.ioagisco.it, risultato dell'azione congiunta di Comune, aziende, associazioni e cittadini.

Tra le iniziative di rilievo meritano una menzione il restauro di una chiesa del 600 in totale stato di abbandono, il ripristino di una strada interrotta da una frana grazie ad un'innovativa opera di ingegneria naturalistica e gli interventi di ristrutturazione di numerose abitazioni di privati. Al secondo posto la squadra di Grazzano Badoglio (AT),  già alla sua quinta partecipazione a Io Agisco, cui segue Montabone (AT), che si distingue per la forte sinergia tra Comune e cittadini, sfociata anche in un'intensa campagna social.

La classifica delle squadre dei Comuni limitrofi al sito UNESCO vede trionfare Calliano (AT) con 35 progetti, tra cui figurano la realizzazione della Pedana del Belvedere, che offre una vista spettacolare sulle colline del Monferrato, e la riqualificazione di un'intera area del paese, rivalutata dal Comune mediante la realizzazione di un'ampia area verde con annesso parco giochi. Sul secondo e terzo gradino del podio troviamo rispettivamente Farigliano (CN) e Murazzano (CN).

È stata significativa la partecipazione dei cittadini all’iniziativa, con molti progetti caricati sul sito, dalla ristrutturazione delle abitazioni alla cura del verde, e centinaia di condivisioni del Manifesto di Io Agisco su Facebook.

“Un territorio  di grande bellezza e varietà quello di Langhe-Roero e Monferrato,- dice l’assessore regionale alla Cultura, al Turismo e al Commercio, Vittoria Poggio - che ha saputo, intorno al riconoscimento UNESCO ai propri paesaggi vitivinicoli, costruire un’identità condivisa, dimostrata dal crescente numero di visitatori che, da tutto il mondo, scelgono proprio queste colline per scoprirne il fascino e le tipicità. Questi risultati sono il frutto di un lavoro che ha coinvolto le istituzioni, in primis la Regione Piemonte, che è presente nel territorio con progetti capaci di coinvolgere le diverse anime. Una consapevolezza che, in questi anni, si è tradotta in un sempre maggiore orgoglio dei cittadini di queste aree, che passa dalle sue radici e dalla sua storia ma comprende anche l’importante crescita sotto il profilo culturale e turistico. Un patrimonio che, come ente regionale, ci siamo impegnati a sostenere, per il grande valore aggiunto che è capace di generare, tanto per il suo sviluppo economico quanto per quello delle sue comunità”.

Il valore di questa iniziativa consiste nell’aver saputo far nascere e crescere un importante e diffuso senso civico, che impegna ogni cittadino a tutelare e migliorare, a beneficio di tutti, il paesaggio e l’ambiente.

Anche i risultati delle precedenti edizioni confermano quindi l’importanza di questo progetto, nato in un’area che deve molta della sua fortuna e bellezza alla sua “cultura immateriale”: dal tartufo tipico di queste aree e che grazie alla fiera internazionale del tartufo bianco di Alba ne è ambasciatore nel mondo, alle colline, frutto di secoli di lavoro e fatica dei contadini e preservate dai suoi cittadini, tra tradizione e innovazione. 

Uno scenario all’interno del quale Dopo l’UNESCO, agisco! si conferma come un progetto  capace di affermare il valore dell’aver cura e di promuovere azioni insieme quotidiane e straordinarie, andando oltre i confini del riconoscimento UNESCO coinvolgendo tutto il territorio, e trasformando le comunità in gruppi consapevoli e attivi perché diventiamo tutti custodi e promotori dell’ambiente e del bello.

“Siamo al fianco della Regione nel progetto ‘Io Agisco!’ nella ferma convinzione che l’iniziativa sia uno strumento efficace per fare emergere la vocazione e la bellezza di questo territorio - commenta Gianfranco Comaschi, presidente Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato- Il gioco di comunità è cresciuto negli anni, dimostrando la sua capacità di coinvolgere attivamente coloro che abitano, studiano e lavorano nell’area dei paesaggi vitivinicoli. Il sito UNESCO appartiene a tutti noi e tutti siamo responsabili della sua tutela, tutti dobbiamo ritenerci coinvolti, attraverso piccoli e grandi gesti quotidiani, nella conservazione e nella trasmissione di questo inestimabile patrimonio alle generazioni future. Guardiamo con fiducia ai territori limitrofi che abbiamo coinvolto a partire da questa edizione, siamo certi che l’alleanza con altri comuni darà maggiore forza alla tutela culturale e ambientale di questo Patrimonio dell’Umanità”.

Per scoprire i progetti di tutti i Comuni e la classifica completa: www.ioagisco.it