Economia & Lavoro

Edilizia: siglato il rinnovo del Contratto di lavoro della Provincia di Asti

Mercoledì, 17 Nov 2021 - 0 Commenti

Il Gruppo Costruttori Edili dell'Unione Industriale della Provincia di Asti e le Organizzazioni sindacali provinciali di categoria, Fe.N.E.A.L., F.I.L.C.A. e F.I.L.L.E.A., lunedì scorso hanno siglato il rinnovo del Contratto di lavoro Provinciale.

All’interno del Contratto Integrativo è stato nuovamente inserito l’elemento variabile della retribuzione, che sarà erogato ai lavoratori, in relazione all’andamento del settore edile in base ai dati provenienti dalla Cassa Edile di Asti.

A favore dei lavoratori, sono state inoltre attivate nuove prestazioni che verranno erogate dall’ente bilaterale. Tra queste, il rimborso per i lavoratori che iscrivono i propri figli minorenni a centri estivi, il rimborso per l’acquisto di libri, materiale didattico, pc e tablet.

Nel confermare la prestazione relativa agli assegni di studio per figli di lavoratori edili che abbiano frequentato università, scuole superiori e scuole medie, sono state introdotte misure di particolare attenzione ai giovani inseriti in percorsi di studio di carattere tecnico. Queste prestazioni vanno a sommarsi a quelle già attivate dalla Cassa Edile del territorio. 

Altri punti interessati dal nuovo accordo riguardano la sicurezza sui luoghi di lavoro e il contrasto al lavoro nero e irregolare: mediante il nuovo sistema regionale di invio delle notifiche preliminari e ad  un maggior coinvolgimento dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriali si tenderà a migliorare la sicurezza nei cantieri e gli enti bilaterali  potranno così verificare con maggior tempestività la regolarità circa le iscrizioni delle maestranze coinvolte nei lavori.

Nel corso degli incontri che hanno portato alla firma degli accordi, è stata evidente la volontà comune di rafforzare gli enti bilaterali territoriali, dotandoli di un sistema di gestione consolidato, così che possano svolgere al meglio le proprie mansioni, mantenendo nel contempo una forte riduzione delle spese cosicché i contributi versati da aziende e lavoratori del settore possano essere spesi in loro favore.

Un esempio sono i corsi gratuiti che verranno erogati dall’Ente Unico per la Formazione e la Sicurezza per le aziende regolarmente iscritte e premialità per le aziende in regola con il versamento contributivo.