Territorio & Eventi

Cuneo, Tucci Russo ed Elisabetta Di Grazia raccontano la loro avventura nell’arte Povera

Scritto da Redazione Venerdì, 10 Gen 2020 - 0 Commenti

Tra gli eventi collaterali alla mostra su Giuseppe Penone, l’incontro con i galleristi di “Tucci Russo. Studio per l’arte contemporanea”, due visite guidate tematiche e un laboratorio per bambini.

Sabato 18 gennaio, alle ore 15,30, con la visita “Alla scoperta dell’opera di Giuseppe Penone” Francesca di Paolo accompagnerà i visitatori lungo un percorso che farà rivivere la ricerca, tra corpo e natura, di Giuseppe Penone. Un’esperienza pensata per avvicinarsi all’opera dell’artista, seguendone le orme dalle Alpi Marittime alla fama mondiale, dall’arte Povera ad oggi. Evento gratuito.

Sabato 18 gennaio, alle ore 15,30, Lucia Polano guiderà il laboratorio artistico dedicato ai bambini dai 6 anni “L’uomo-albero”. Realizzando insieme un grande collage collettivo, i giovani partecipanti arriveranno a scoprire inaspettati legami che proietteranno in una nuova prospettiva la loro percezione e visione del confine tra uomo e albero e li porteranno a capire quanto i due elementi hanno in comune. Evento gratuito, ma prenotazione obbligatoria telefonando al 388/1162067 oppure scrivendo a gestovegetale@gmail.com.

Sabato 18 gennaio, alle ore 17, lo Spazio Incontri della Fondazione CRC ospiterà l’incontro “Il paesaggio del gallerista. Perché l’arte?”. Lo storico dell’arte Enrico Perotto si confronterà con i galleristi Antonio Tucci Russo ed Elisabetta Di Grazia, una coppia che ha fatto dell’amore per l’arte il proprio percorso di vita e può essere considerata a pieno titolo protagonista della società civile torinese e del mondo dell’arte contemporanea a partire dagli anni ’60 fino ai giorni nostri. Si ripercorreranno le scelte giovanili di “Lisa” e Tucci, la frequentazione intensa di intellettuali, artisti, musicisti e teatranti della scena torinese e internazionale, la collaborazione con la Galleria Sperone a Torino, la decisione di aprire una propria galleria, nel 1975, cui ne seguiranno altre fino all’apertura del grande spazio espositivo all’interno dell’area dell’ex Stamperia Cotonificio Mazzonis a Torre Pellice.

Si indagheranno, inoltre, le differenze fra il ruolo del mercante d’arte e del gallerista e i meccanismi del sistema dell’arte internazionale in rapporto al lavoro e alla vita degli artisti.

Fra i tanti artisti che la galleria Tucci Russo ha promosso ed esposto in questi decenni c’è anche Giuseppe Penone, accanto a Mario e Marisa Merz, Giovanni Anselmo, Richard Long e Tony Cragg. Evento gratuito, ma prenotazione obbligatoria su Eventbrite www.eventbrite.it/e/biglietti-il-paesaggio-del-gallerista-perche-larte-85764671441

Domenica 19 gennaio, alle ore 15,30, Domenico Olivero tornerà a proporre la visita d’artista “Il lavoro dello scultore: fra energia naturale e tecnica artistica”, un percorso guidato per meglio comprendere le istanze dell’artista, la sua ricerca sui materiali, le tecniche di lavorazione e le modalità di diffusione delle opere d’arte. Evento gratuito.

Tutti gli eventi sono gratuiti. Per informazioni telefonare al 388/1162067 o scrivere a gestovegetale@gmail.com.