Economia & Lavoro

Cuneo, "Persone e Patrimonio d'Impresa" prima residenza a Belveglio per Oliver Migliore

Scritto da La redazione Domenica, 17 Nov 2019 - 0 Commenti

Approda nell’astigiano con la prima residenza d’artista del fotografo Oliver Migliore. L’artista cuneese ha lavorato con i collaboratori del Nuovo Mollificio Astigiano di Belveglio. L’esposizione è stata visitata da 400 persone nella due giorni di Piemonte Fabbriche Aperte.

.
Doppio traguardo per il progetto di welfare culturale “Persone Patrimonio d’Impresa” che ha realizzato la prima attività targata “Company. Impresa Chiama Artista” ed ha varcato i confini della provincia di Cuneo.

Il filone “Company” mira a realizzare l’interazione tra cultura e impresa all’interno dell’azienda, sperimentando forme creative che coinvolgano il personale. L’intervento - pilota si è svolto presso il Nuovo Mollificio Astigiano di Belveglio (Asti), che ha ospitato la residenza creativa “Scatti a molle”, condotta dall’artista Oliver Migliore.

Le opere prodotte sono state esposte al pubblico l’8 e 9 novembre, in occasione delle giornate di "Piemonte Fabbriche Aperte".

Il progetto “Persone Patrimonio d’Impresa. Tre luoghi della cultura si aprono al mondo delle imprese” è realizzato grazie al contributo della Fondazione CRC (Bando “Musei Aperti 2017”) dall’associazione Castello del Roccolo, in collaborazione con il Filatoio di Caraglio e il Forte di Vinadio, con la partnership di Regione Piemonte, Fondazione Piemonte dal Vivo, Hangar Piemonte, Fondazione Artea e Comune di Vinadio, oltre al patrocinio della Città di Busca e del Comune di Caraglio.

Con il nuovo filone ‘Company. Impresa Chiama Artista’ ideato dal collettivo ‘Calzaap!’– racconta la project manager Zelda Beltramo - il concetto di welfare culturale, che è alla base di ‘Persone Patrimonio d’Impresa’, si espande e arriva a sperimentare forme creative nel contesto aziendale. Il luogo in cui cultura e impresa si incontrano per creare welfare può essere sia il bene culturale, come è avvenuto a luglio, quando i collaboratori del Nuovo Mollificio Astigiano hanno vissuto una giornata esperienziale nel Forte di Vinadio, sia lo spazio normalmente dedicato all’attività lavorativa, che accoglie un artista professionista, capace di attivare un percorso creativo in cui i dirigenti e i dipendenti diventano protagonisti dell’opera; il pubblico coinvolto è parte di un inedito lavoro, mediante visite presso l’azienda e l’esposizione delle opere nei beni culturali”.

È quanto è stato sperimentato con successo nei giorni scorsi dal fotografo cuneese Oliver Migliore in residenza artistica presso il "Nuovo Mollificio Astigiano".

L’artista ha dapprima osservato i processi, i materiali e la produzione aziendale. Quindi, insieme ai dipendenti, ha creato particolarissime opere i cui protagonisti sono proprio le persone che tutti i giorni lavorano per la produzione delle molle, ciascuno messo in relazione, a seconda della sua personalità, con le molle stesse. Prima l’esperienza conviviale della residenza d’artista, poi gli scatti che hanno dato vita all’opera e, infine, l’esposizione nei due giorni di Piemonte Fabbriche Aperte, visitata da oltre 400 persone.

“La residenza di Oliver Migliore è stata una tappa importante di un percorso che conduciamo da anni – hanno commentato al termine dell’esperienza i titolari del Mollificio Maria Pia Giovine e Marco Prainito - rivolto alla promozione del benessere del personale, e che la scorsa estate ha conosciuto ‘Persone Patrimonio d’Impresa’ con una prima visita al Forte di Vinadio. Fin dal titolo, il progetto rispecchia appieno la nostra visione della realtà aziendale, in cui la cultura del welfare pone il rispetto delle persone e dell’ambiente al centro dello sviluppo innovativo e tecnologico”.

“Il successo dell’iniziativa, per cui ringrazio il Nuovo Mollificio Astigiano per la collaborazione, ha avuto una grande eco e ha destato molto interesse anche nel Cuneese conclude Zelda Beltramo –. Stiamo lavorando per allestire la mostra fotografica ‘Scatti a molle’ nei beni culturali coinvolti nel progetto e per replicare presto l’esperienza nella nostra provincia in collaborazione con altre imprese. Tutte le informazioni si trovano sul sito di progetto  www.personepatrimoniodimpresa.it”.

“Calzaap!” significa “calza a pennello”, un progetto che si propone in ambiti diversificati, che hanno come denominatore comune la realizzazione su misura che trova ispirazione nella realtà territoriale e/o aziendale e/o domestica e/o comunitaria.

"Calzaap!" È una ricerca espressiva che unisce pensieri e passioni per generare un impatto variegato ed esteso sul versante sociale, contribuendo ad accrescere il benessere delle persone e della comunità, rafforzando l’identità dei territori, suggerendo che è la progettazione “a pennello” quella soluzione “precisa” che dona benessere. In sintesi: realizziamo il tuo progetto che “calza a pennello”!

Persone "Patrimonio d'Impresa 2019": proposte per aziende e imprenditori 

EMOZIONE – Il Castello e Parco del Roccolo di Busca, con il loro fascino e la natura incontaminata sono il miglior antidoto per contrastare l’improduttività da stress e stimolare nuovi cortocircuiti creativi, il luogo ideale per organizzare un’attività all’aperto, workshop esperienziali, team building ispirazionali o un evento aziendale di prestigio.

SAPER FARE – Creare e produrre, rafforzando legami e generando inediti intrecci, sono nel DNA del Filatoio di Caraglio, il più antico setificio intatto d’Europa. Da fabbrica di seta si trasforma in fabbrica culturale, luogo di sperimentazione, ricerca e tecnica, ideale per team building creativi, conferenze e mostre, eventi aziendali di prestigio.

AZIONE Il Forte Albertino di Vinadio, gigante di pietra che evoca forza, energia e azione, interamente da percorrere con spirito avventuriero, con i suoi 1.200 metri di fortificazione si propone oggi come spazio suggestivo in cui vivere attività culturali-esperienziali, come team building avventura, percorsi multimediali e attività outdoor.