Territorio & Eventi

Coronavirus, impegno no stop dei volontari della Croce Rossa braidese

Scritto da Redazione Mercoledì, 6 Mag 2020 - 0 Commenti

Le elezioni avevano confermato la squadra dirigenziale. Carlo Corsini è presidente onorario.

Continua il grande impegno dei volontari della Croce Rossa di Bra in questo difficile momento di emergenza sanitaria.

La CRI braidese da 35 anni è al servizio della comunità, attiva per il soccorso sanitario, protezione, civile, aiuto alle fasce deboli della popolazione, didattica, sensibilizzazione.

Ai tradizionali servizi che da anni i volontari svolgono con grande impegno, da due mesi sono chiamati ad uno sforzo maggiore: hanno consegnato, in collaborazione con altri sodalizi, le mascherine agli anziani del territorio, consegnano medicinali e spese per chi non può uscire di casa.

Per svolgere al meglio tutti i servizi in questo periodo sono attivi anche numerosi "volontari temporanei".

Poco prima che scoppiasse l'epidemia, il comitato braidese della Croce Rossa aveva eletto il nuovo direttivo.

Dalle urne il responso aveva confermato alla presidenza Pino Palmieri che è affiancato dai consiglieri Flavia Rinaudo, Valerio Piumatti, Federica Vitucci, Dario Chiodi. Carlo Corsini, uno dei fondatori, con Palmieri, della Croce Rossa braidese, è stato nominato presidente onorario.

Una squadra che è stata confermata per il buon lavoro svolto nel precedente mandato.

Per affrontare la nuova sfida, oltre che implementare l'organico di volontari, sono necessari anche strumenti diversi, maggiori, come spiegano gli stessi volontari: "Le protezioni normalmente usate nei servizi in ambulanza sono ora insufficienti. Servono camici e tute di protezione monouso, occhiali, e tutta la dotazione necessaria per poter operare in sicurezza. Dopo ogni servizio il mezzo a rischio infettivo deve essere sottoposto a sanificazione. Il soccorso deve essere sicuro, sia per i pazienti che per gli operatori. Per garantire questo i costi sono altissimi".

Per farvi fronte, la CRI braidese ha lanciato un SOS, una raccolta fondi su www.gofoundme.com a cui tanti cittadini e associazioni hanno già risposto. 

Marisa Quaglia