Politica & Istituzioni

Convocata l'assemblea annuale dei Paesaggi Vitivinicoli UNESCO

Scritto da Redazione Mercoledì, 6 Gen 2021 - 0 Commenti

Venerdì 15 gennaio alle 17,00 si svolgerà l’assemblea annuale dei Soci per Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, collegati on-line tramite la piattaforma Google MEET. Nel 2021 un grande progetto sull’impatto dei cambiamenti climatici.

Tempo di bilanci per l’Associazione per Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, ente gestore del sito UNESCO.

Venerdì 15 gennaio alle 17,00 si svolgerà l’assemblea annuale dei soci collegati on-line tramite la piattaforma Google MEET.

L’incontro si aprirà con le comunicazioni di Gianfranco Comaschi, presidente del consiglio d’amministrazione formato da Annalisa Conti (vice presidente) e dal consigliere Giuseppe Rossetto.

Il direttore Roberto Cerrato illustrerà le attività realizzate nel 2020: “Pur in un contesto molto difficile e di grande sofferenza per tutta la nostra comunità non ci siamo fermati. Abbiamo completato l’archivio multimediale della memoria per la raccolta e la condivisione di immagini, filmati, testimonianze dalla e sulla cultura del vino, un patrimonio trasmesso di generazione in generazione che rappresenta la ricchezza delle generazioni. Abbiamo supportato e promosso iniziative culturali, dalle mostre fotografiche alle rassegne teatrali al Festival del Paesaggio Agrario. Inoltre abbiamo costruito e consolidato le partnership sul territorio e progettato nuove attività che hanno ottenuto l’approvazione del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo. Per il terzo anno consecutivo i nostri progetti hanno ottenuto il primo posto nella graduatoria nazionale”.

Il nuovo progetto

Tra le nuove attività che verranno illustrate ai soci, Comuni ed altri enti pubblici e privati, si segnala il progetto intitolato “L’innovazione a supporto della tradizione per contrastare il cambiamento climatico nel sito UNESCO “I paesaggi vitivinicolo del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato”, finanziato dal MIBACT con i fondi della legge 77/2006 (“Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella lista del “patrimonio mondiale”, posti sotto la tutela dell’UNESCO”, esercizio finanziario 2019).

Lo scopo è approfondire l’impatto e la vulnerabilità ai cambiamenti climatici dei paesaggi vitivinicoli Langhe Roero e Monferrato.

Due gli obiettivi: individuare strategie di adattamento che preservino il sito UNESCO da eventi climatici e ambientali estremi e nello stesso tempo sollecitare la partecipazione attiva della cittadinanza al tema sempre più emergente del cambiamento climatico.

In foto: il Consiglio d’amministrazione dell’Associazione Patrimonio con il presidente dell’Ordine degli Architetti di Asti in occasione dell’assemblea 2019.