Cultura & Spettacoli

Continua il festival “Paesaggi e oltre, teatro e musica d’estate nelle terre dell’Unesco"

Scritto da Redazione Venerdì, 7 Ago 2020 - 0 Commenti

Prosegue sabato 8 agosto la diciannovesima edizione del festival promosso dalla Comunità Collinare Tra Langa e Monferrato, con il contributo di Regione Piemonte, Fondazione C.R. Asti e Fondazione C.R.T e la collaborazione della Fondazione Piemonte dal Vivo. Fondamentale l’apporto dei quattro comuni facenti parte dell’unione: Castagnole Lanze, Coazzolo, Costigliole d’Asti e Montegrosso d’Asti.

Sabato 8 agosto alle 21,30 si torna a Castagnole delle Lanze (Asti) nel Belvedere del Municipio con l’irriverente spettacolo “Coppa del Santo. Agonismo e miracoli al tempo del distanziamento sociale” con Gli Omini.

Dal belvedere a fianco del Municipio, con l’affaccio sulle colline dei vigneti castagnolesi e l’ampio paesaggio, per la prima volta al festival e con un nuovo spettacolo approdano Gli Omini, compagnia toscana di rilievo nel panorama nazionale (già premio Ubu e detentrice di svariati altri riconoscimenti), arguta e visionaria, con la singolare capacità di riuscire a mettere in scena l’inaspettato, con semplicità ed efficacia.

Gli Omini hanno trovato la loro voce con una ricerca costante e metodica sul quotidiano, sul qui e ora.

Nel 2011 Luca Zacchini, in un periodo di eccessiva devozione dovuta a brancolamenti nel buio,iniziò a disegnare santi su paint con lo pseudonimo di Spavaldo. I santi si moltiplicarono miracolosamente fino a diventare un mazzo di carte. E così nacque "L’Asta del Santo", un "mercante infiera" sulle vite dei santi. 

Il problema dell’Asta, ad oggi, è uno solo: nessuna regola didistanziamento sociale viene rispettata, in quanto si prevede un rapporto col pubblico che sfiora ilcarnale. Da questa nuova triste esigenza, dopo quasi dieci anni, spunta felicemente la Coppa del Santo. Perché i Santi sono duri a morire. E perché il pubblico continui a giocare. Saranno proprio gli spettatori, tutti insieme, a decidere quale Santo vincerà il sacro torneo, per eleggere ed invocare un unico patrono della serata. Una partita sul modello dei campionati virtuali che spopolano su giornali, radio e web. Ma dal vivo.

In scena Francesco Rotelli e Luca Zacchini (autore anche dei disegni), le scritture sono di Giulia Zacchini.

Al termine degustazione guidata di vini della Premiata Bottega del Vino di Castagnole delle Lanze.

Ingressi euro 5.

I posti sono limitati, è necessaria la prenotazione: 339/2532921 - info@teatrodegliacerbi.it. 

L’11 agosto a Montegrosso d’Asti un grande ritorno: il maestro delle scene Eugenio Allegri con “…e non c’era più per sempre.” il racconto di “Novecento”, la storia straordinaria della nascita di uno spettacolo che è entrato nel mito.

Per l’ormai tradizionale Ferragosto a teatro, nella frazione panoramica di San Michele di Costigliole d’Asti, “Cesare, Beppe e Angelo… ragazzi di campagna”, un nuovo omaggio in musica e parole ai Pavese, Fenoglio e Brofferio meno urbani con il Teatro degli Acerbi e lo chansonnier nostrano Ricky Avataneo. Non poteva mancare nel cartellone l’appuntamento per bambini e famiglie a Montegrosso d’Asti: il 18 agosto con il nuovo spettacolo “Pollicino Pop” di Teatro Invito.

Chiuderà il festival una proposta originale che verrà realizzata il 21 agosto nelle aziende florovivaistiche di Motta di Costigliole, per piccoli gruppi di spettatori: un nuovo spettacolo del Teatro degli Acerbi dal titolo “Il testamento dell’ortolano” con Massimo Barbero, testo originale di Antonio Catalano, adattamento e regia di Patrizia Camatel. L’orto è il luogo della Cura, da millenni: ora c’è da curare l’anima.

Ci saranno inoltre “pillole di paesaggio” condotte da paesaggisti dell’Associazione per il patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, degustazioni e racconto dei vini del territorio. Gli ingressi quest’anno avranno un prezzo particolare e unificato: euro 5,00 per tutti gli appuntamenti, gratuito il 18 agosto per lo spettacolo per bambini e famiglie.

I posti sono limitati, è necessaria la prenotazione: 339/2532921 – 

Paesaggi e Oltre” ha il patrocinio e il contributo dell’Associazione per il patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato UNESCO, che lo riconosce come l’iniziativa culturale estiva astigiana che meglio estrinseca i valori da essa promossi e intenti perseguiti legando cultura, turismo e territorio. 

Ha inoltre una rinnovata partnership con il nuovo Ente Turismo Langhe Monferrato Roero. Tra gli sponsor la Banca di Asti ed il Lions Club di Costigliole d’Asti.

Il programma completo nell'allegato che segue.