Politica & Istituzioni

Cervere, Il Consiglio comunale ha fatto proprio il grido d'aiuto della Provincia di Cuneo

Scritto da La redazione Sabato, 7 Dic 2019 - 0 Commenti

Dal Comune ok unanime alla causa della Provincia: "Ente svilito a livello democratico e finanziario, il Governo intervenga".

Con dodici "sì", quindi con votazione unanime, il Consiglio comunale Cerverese ha fatto proprio il grido d'aiuto della Provincia di Cuneo, e del suo Presidente Federico Borgna, affidato a un ordine del giorno che chiede al Governo centrale di mettere la parola fine allo "svilimento democratico e finanziario" portato avanti, di anno in anno dal 2014, ai danni dell'Ente per eccellenza intermedio fra Regione e Comuni.

Uno svilimento del quale si sono toccati con mano gli effetti su territori e comunità locali in occasione delle recenti ondate di maltempo alluvionale, senza considerare la stagione invernale ormai avviata con le previste nevicate che, se sono un toccasana per il turismo bianco in quota, non pochi disagi creano nelle vaste zone di pianura imponendo tempestivi e adeguati interventi di sgombero neve.

La proposta di ordine del giorno, che riprende il testo trasmesso dalla Giunta provinciale, nel prendere atto delle prime correzioni di rotta apportate a livello regionale, si rivolge primariamente al Governo centrale a cui si sollecita un diverso criterio di ripartizione dei fondi basato, per esempio, sui chilometri di strade che compongono la rete viaria della Provincia, sul numero di studenti iscritti alle scuole e sulla morfologia e vastità del territorio perché gli stessi interventi infrastrutturali hanno costi diversi.

"Alla vigilia del varo dei bilanci di previsione da parte degli enti locali e dei nostri Comuni, ritengo che un tale ordine del giorno, per la cui corale approvazione ringrazio il Consiglio comunale e tutti i colleghi Consiglieri, sia di fondamentale importanza, perché i fatti concreti hanno dimostrato che la legge del 2014, cosiddetta "svuota-Province", ha colpito chi i propri costi è già abituato a tenerli sotto controllo - commenta il Sindaco Corrado Marchisio - Con la Provincia, la nostra Amministrazione civica ha sempre avuto ottimali rapporti di collaborazione istituzionale e operativa in vari settori dalla promozione e tutela del territorio ad alcuni servizi pubblici e sociali dove progetti e azioni di area vasta, in grado di ricomprendere più municipalità, sono sempre più necessari al fine di predisporre progetti e ottenere fondi aggiuntivi alle sole risorse cittadine. Di certo, la crescente attenzione della Regione Piemonte ai temi delle autonomie locali è un segnale che va nella giusta direzione, adottata convintamente dalla nostra Giunta e dal nostro programma quinquennale, di acquisire maggiori finanziamenti senza gravare sui cittadini".