Territorio & Eventi

Asti, la Douja d'Or 2019 un'autentica laurea per i vini italiani

Scritto da Redazione Giovedì, 18 Lug 2019 - 0 Commenti

Hanno partecipato al concorso 288 aziende con 786 vini di tutte le regioni italiane. I vini premiati sono stati 268 presentati da 164 aziende. Determinante per la partecipazione e risultati il ruolo del territorio e dei produttori piemontesi: 363 vini presentati e ben 109 quelli premiati.

Il  Concorso Enologico Nazionale “Douja D'Or” di Asti, giunto, quest'anno alla sua 47a edizione ha avuto un grande successo

L'affermazione è stata sottolineata ieri in una conferenza stampa da Renato  Goria, presidente della Camera di Commercio astigiana e dai responsabili delle commissioni assaggiatori.

Il concorso indetto dall'ente camerale astigiano  è considerato uno dei migliori ed importanti del settore sia per il numero di partecipanti sia per le iniziative legate alla commercializzazione prevista ogni anno dal 6 al 15 Settembre. 

“I vini premiatiha detto il presidente della Camera di Commercio saranno nostri ambasciatori  in tutto il mondo, porteranno le eccellenze  del “made in Italy” oltre i confini nazionali e permetteranno alle nostre aziende di crescere ed aprirsi  all'internazionalizzazione”.

Quest'anno hanno partecipato al concorso 288 aziende con 786 vini di tutte le regioni italiane. I vini premiati sono stati 268 presentati da 164 aziende. Determinante per la partecipazione e risultati il ruolo del territorio e dei produttori piemontesi: 363 vini presentati e ben 109 quelli premiati. Seguono a distanza la Sicilia con 18 vini premiati su 27 presentati ed il Veneto con 17 vini premiati su 65 presentati. 

Sul podio delle province piemontesi, Asti è prima con 52 etichette premiate, seguita da Cuneo con 40 e da Alessandria con 11. Seguono Torino con 3 etichette premiate.

Nel contesto della “Douja d'Or”, sabato 7 e domenica 8  settembre in Campo del Palio è previsto il 46° “Festival delle Sagre” uno spettacolo unico, illustrativo della civiltà contadina allestito da 48 Pro Loco e la partecipazione di migliaia di personaggi  che popoleranno un villaggio creato nel giro di poche ore.  

Da sabato sera  e per tutta la giornata di domenica, le 48 cucine delle pro loco sforneranno i migliori piatti della cucina piemontese per migliaia di turisti che giungeranno in città anche con treni speciali.

Luigi Garrone