Cronaca

Asti, farmaci dopanti e maltrattamenti ai cavalli: assolti gli imputati per il Palio 2014

Scritto da Redazione Lunedì, 9 Dic 2019 - 0 Commenti

La vicenda era iniziata subito dopo il Palio del 2014, in seguito a controlli antidoping effettuati sugli equini. Il processo vide come imputati fantini, proprietari di cavalli e stallieri. In un’udienza, inoltre, un testimone aveva raccontato che due animali dopati avrebbero corso durante l’edizione svoltasi nel settembre del 2018.

Sono stati tutti assolti i diciannove imputati, tra fantini e proprietari di animali, al processo per i presunti casi di doping al Palio di Asti del 2014.

Lo ha stabilito il giudice del tribunale di Asti, Elisabetta Chinaglia. Il pm Laura Deodato aveva chiesto condanne fino a due mesi e venti giorni di reclusione per maltrattamento di animali.

Secondo l'accusa gli imputati avevano somministrato ai cavalli farmaci dopanti vietati e dannosi, come antinfiammatori e cortisonici.

La vicenda era iniziata subito dopo il Palio del 2014, in seguito a controlli antidoping effettuati sugli equini. Il processo vide come imputati fantini, proprietari di cavalli e stallieri. In un’udienza, inoltre, un testimone aveva raccontato che due animali dopati avrebbero corso durante l’edizione svoltasi nel settembre del 2018.

"Il reato di maltrattamento degli animali non è mai stato provato come non è stato provato che sia stato fatto del male ai cavalli. Quei medicinali erano semplici cure per patologie veterinarie", ha spiegato Alberto Avidano, avvocato della difesa.

"I palii - ha ricordato in riferimento all'utilizzo di medicinali vietati negli ippodromi ma non nelle corse di carattere storico - non sono gare ufficiali della Federazione e quindi non valgono le norme della Federazione. Perché ci sia maltrattamento deve esserci danno agli animali, ma non è mai stato dimostrato".

"Una bella notizia per il Palio - ha affermato il collega Alberto Pasta - perché si trattava di ipotesi gravi che macchiavano la nostra festa. Finalmente la sentenza ha fatto chiarezza”.

"Un bellissimo regalo di Natale per il Palio di Asti, che darà a tutto l'ambiente più serenità e tranquillità", è stato il commento del sindaco di Asti, Maurizio Rasero.