Politica & Istituzioni

Apertura centri estivi in Piemonte: a partire dall'1 giugno le linee guide

Scritto da Redazione Mercoledì, 27 Mag 2020 - 0 Commenti

L’assessore alle Politiche sociali e alla Famiglia, Chiara Caucino, comunica che lunedì presenterà le linee guida che ne andranno a disciplinare la programmazione e la gestione.

La Regione Piemonte è all’opera per anticipare il più possibile l’apertura decentri estivi. 

L’assessore alle Politiche sociali e alla Famiglia, Chiara Caucino, comunica che lunedì presenterà le linee guida che ne andranno a disciplinare la programmazione e la gestione.

“Il mio Assessorato - fa sapere Caucino - sta lavorando da settimane sul testo che contiene le indicazioni che verranno presentate lunedì ai Comuni e ai rappresentanti degli enti locali, agli oratori e a tutti i soggetti interessati, e che verranno approvate in Giunta venerdì prossimo. In questo periodo molte sono state le sollecitazioni e le richieste pervenute soprattutto dai Comuni e dagli enti religiosi, alle quali la Regione sta predisponendo una risposta adeguata, rapida ed efficace per garantire l’inizio dei centri estivi in tempo utile. Il Governo ha previsto l’inizio di queste attività il 15 giugno, ma con il presidente Cirio si sta cercando di anticipare, tanto che oggi è avvenuto un confronto con il ministro Speranza, per venire incontro alle esigenze delle famiglie con un servizio per loro essenziale”.

Le linee guida regolamenteranno in modo puntuale tutti gli aspetti da tenere in considerazione: gli spazi che potranno essere destinati alle attività dei centri estivi, la capacità ricettiva, l’organizzazione delle attività, il personale, la formazione degli operatori, l’accesso e la priorità.

“Un aspetto a cui tengo particolarmente e punto qualificante delle disposizioni - anticipa l’assessore - sarà la sinergia, da me fortemente voluta, con il Servizio civile universale, che permetterà l’affiancamento e il supporto nelle attività di natura ricreativa. Saranno anche fornite precisazioni sulla collaborazione con i Centri per le Famiglie piemontesi, il protocollo sanitario, le modalità di accesso, accompagnamento e ritiro dei minori, l’erogazione dei pasti”.

Insomma, come puntualizza Caucino, “nulla sarà trascurato, neppure la governance, strumento indispensabile per il monitoraggio dell’attuazione e delle eventuali problematicità che potranno emergere”.

A questo proposito, vuole rassicurare “il Comune e la Città metropolitana di Torino, e tutti i Comuni piemontesi, che la Regione è assolutamente vigile e attiva su un tema che riteniamo fondamentale per dare supporto alle famiglie piemontesi”.

 

 

#assessore-chiara-caucino