Cronaca

Accusa di omicidio per il gioielliere di Grinzane Cavour

Martedì, 5 Ott 2021 - 0 Commenti

Procura, sparò a banditi disarmati per cagionarne la morte. E’ emerso che il gioielliere è privo di porto d’armi e quindi il fatto di aver portato l’arma, legittimamente detenuta nella gioielleria, all’esterno della stessa, comporta anche l’accusa di porto abusivo d’armi.

Cambiano le accuse nei confronti di Mario Roggero, il gioielliere di Grinzane Cavour (Cuneo) che lo scorso 28 aprile reagì a una rapina uccidendo due banditi e ferendone un terzo.

L'uomo, che era stato accusato di eccesso colposo di legittima difesa, deve ora rispondere di omicidio doloso plurimo, tentato omicidio e porto illegale di arma comune da sparo.

Per la Procura di Asti, che ha coordinato le indagini, il gioielliere sparò ai banditi "disarmati, scaricando l'intero caricatore - si legge nella chiusura indagini (allegato) - per cagionarne la morte, eccedendo in tal modo volontariamente i limiti della legittima difesa patrimoniale".