Scuola & Formazione

Un "club dei libri" alla scuola media Nostra Signora delle Grazie di Nizza Monferrato

Scritto da La redazione Martedì, 10 Apr 2018 - 0 Commenti

Un contributo alla crescita di cittadini capaci di dialogo e di confronto.

Di certo lascerà il segno, darà più slancio alla fantasia, offrirà un contributo alla crescita di cittadini capaci di dialogo e di confronto: questi alcuni degli obiettivi delle insegnanti di lettere della scuola media Nostra Signora delle Grazie di Nizza Monferrato (AT) nel progettare il percorso CLUB DEL LIBRO per le classi I e II.

“Abbiamo sperimentato che i ragazzi si lasciano coinvolgere, sanno interrogarsi e riflettere. In un ambiente sempre più digitale non può mancare la proposta di una lettura piacevole, lenta, riflessiva, coinvolgente e su cui confrontarsi”, dice soddisfatta la prof. B. Solano.

Nel secondo quadrimestre, dopo aver già avuto liberamente accesso alla ben fornita biblioteca della scuola, i ragazzi hanno letto personalmente un testo di narrativa, IN PIEDI SUI PEDALI  di L. Garlando, dialogando poi in aula e a gruppi in modo spigliato sulle avventure di un aspirante ciclista professionista, tra problemi come il doping e la correttezza sportiva, i rapporti con familiari e allenatore, la voglia di riprendersi e i sogni di successo da realizzare con impegno e sudore, il tutto ambientato in Piemonte, patria di Coppi e di Girardengo.

A partire da una frase per ciascuno significativa del testo, dal dialogo sono emerse approfondite riflessioni.

“Non avrei pensato che nello stesso libro ciascuno trovasse tanti elementi diversi”, dice M. Cristina Fiaccone, cl II.

“A me è piaciuto di più, come  se fosse un bellissimo gioco, immaginare di essere clienti esigenti e librai esperti,” completa Giulia Cortese, cl I.

In un secondo momento, infatti, i ragazzi divisi a gruppi si sono calati nei panni di librai che con la loro arte di vendita consigliavano i clienti sui testi da leggere e in quelli di clienti alla ricerca di un testo specifico, testi usati portati a scuola dai ragazzi stessi, che alla fine se li sono scambiati.

La terza fase è stato un vero “caffè letterario”, in cui attorno ai tavolini predisposti e a partire da frasi d’autore sui libri e sulla lettura, ciascuno ha potuto parlare di un testo amato, e quindi di sé.

“Siamo d’accordo con D. Pennac, quando dice che NOI SIAMO FATTI DI LIBRI, E DI AMICI” concludono i ragazzi e gli insegnanti.


  • Adsense slot ID 9166920842">