Territorio & Eventi

Torino, Vino Erbaluce Docg: in 20 anni raddoppiato il vigneto

Scritto da La redazione Sabato, 15 Giu 2019 - 0 Commenti

Sette denominazioni per 27 tipologie di vino: il panorama dei vini torinesi di qualità ottenuti dalla vendemmia 2018 può contare su una superficie produttiva di 588 ettari di vigneto, per una potenzialità produttiva di 36.130 quintali di uva di oltre 3.600.000 bottiglie di vino.

I dati sono stati illustrati ieri – venerdì 14 giugno 2019 – a Palazzo Birago di Torino, in occasione di "Erbaluce Day" organizzato da Confagricoltura Torino in collaborazione con la Camera di commercio di Torino e il "Consorzio per la tutela dei vini Caluso, Carema e Canavese"

L’Erbaluce dell'annata 2018 è ottimo: un andamento stagionale fresco, associato al periodo caldo che ha preceduto la vendemmia, ha fatto sì che si realizzasse una produzione particolarmente equilibrata, sia in termini produttivi, sia sotto il profilo del rapporto tra zuccheri e acidi.

L'Erbaluce dell'annata 2018, secondo i tecnici di Confagricoltura, si può definire insieme tradizionale e moderno, decisamente minerale, molto fresco e piacevole. Secondo i tecnici sarà un vino iper-longevo, che potrà affinarsi molto bene nel tempo.

“L’Erbaluce di Calusoha sottolineato Gianluigi Orsolani, vicepresidente di Confagricoltura Torino e presidente dell’Enoteca Regionale dei Vini della Provincia di Torino Gianluigi Orsolani si sta affermando con successo sul mercato nazionale ed è sempre più apprezzato anche all’estero: questo ci rende orgogliosi e soddisfatti per l’opera di promozione che sviluppiamo anche attraverso questo evento”.

Sostegno alla promozione della miglior produzione enologica  del territorio è stato espresso da Andrea Talaia, vicepresidente della Camera di commercio di Torino, il quale ha ricordato il lavoro che l’ente camerale svolge con la selezione Torino DOC, che raccoglie nella sua ultima edizione 45 aziende e 146 vini.

Alla conferenza stampa dell’Erbaluce Day, insieme al vicepresidente e al direttore di Confagricoltura Torino, Gianluigi Orsolani ed Ercole Zuccaro, sono intervenuti il vicepresidente della Camera di commercio di Torino Andrea Talaia,  la presidente del Consorzio di tutela dei vini Caluso, Carema e Canavese Caterina Andorno, il presidente della Strada Reale dei Vini Torinesi Alessandro Comotto, il responsabile del Settore Sviluppo e Valorizzazione Filiere della Camera di commercio di Torino Sergio Arnoldi, l’agronomo e giornalista Alessandro Felis.

All’Erbaluce Day 2019 hanno partecipato le aziende socie di Confagricoltura: Cantina della Serra (Piverone), Cieck (S. Giorgio Canavese), Cooperativa Produttori Erbaluce di Caluso (Caluso), Ferrando (Ivrea), Tenuta Roletto (Cuceglio), Giacometto Bruno (Caluso), Gnavi Carlo (Caluso), La Masera (Piverone), Orosia (Bollengo), Orsolani (S. Giorgio Canavese), Cellagrande (Viverone), Santa Clelia (Mazzè).

Il direttore di Confagricoltura Torino Ercole Zuccaro ha ricordato i dati relativi ai vigneti delle 7 denominazioni torinesi: 10 ettari per la doc Valsusa, 22 per la Collina Torinese, 53 per la doc Pinerolese, 17 della doc Carema, 91 per la Freisa di Chieri, 151 ricompresi nella denominazione  Canavese e 245 per la docg Erbaluce di Caluso.

La superficie investita a vigneto Erbaluce di Caluso docg è in aumento: siamo passati dai 128 ettari del 2000 a 245  ettari del 2018, con una crescita del 91,4% in netta controtendenza rispetto all’andamento regionale delle superfici vitate”.

La vendemmia 2018 dell’Erbaluce di Caluso docg ha offerto una produzione potenziale di 1.665.335 bottiglie, per un valore complessivo al consumo di circa 15 milioni di euro

(Ecco le elaborazioni Confagricoltura Torino, con prezzi medi alla bottiglia al consumo di 7 – 12 euro per l’Erbaluce di Caluso docg fermo, di 12 – 18 euro per l’Erbaluce di Caluso Spumante, di 15 – 22 euro per il Passito di Caluso).