Cultura & Spettacoli

Ottonelli e Porta autori/cicloturisti a Castellania per il loro nuovo libro "Lassù fra i muri"

Scritto da La redazione Giovedì, 15 Feb 2018 - 0 Commenti

Domenica 18 febbraio alle ore 17 presso la Residenza Il Borgo di Castellania (AL) per il terzo appuntamento de GLI INCONTRI CICLOLETTERARI DE LaMITICA 2018 il racconto di un nuovo viaggio, un’altra sfida a una grande classica del Nord: il Giro delle Fiandre. 

Sfruttando la bicicletta, intesa non solo come mezzo di trasporto o attrezzo per conquistare vittorie e superare record sportivi, ma anche come una vera e propria “macchina del tempo” capace di trasportarci, in modo fortemente evocativo, dalle corse dei pionieri dei primi del ‘900 alle storie di ciclismo dei nostri giorni, il Comitato Colli di Coppi, per il terzo appuntamento de GLI INCONTRI CICLOLETTERARI DE LaMITICA 2018 in programma domenica 18 febbraio alle ore 17:00 presso la Residenza Il Borgo di Castellania ha il piacere di presentare il tandem di autori/cicloturisti alessandrini GIUSEPPE OTTONELLI e MARCO PORTA che ritornano a Castellania (AL) con il loro nuovo libro “LASSU’ FRA I MURI.

Un nuovo viaggio, un’altra sfida a una grande classica del Nord: il Giro delle Fiandre. ”Phasar Edizioni e FABIO GUERINI, speaker di ciclismo e giovane autore cremasco, che con il suo libro “STORIA DEL CICLISMO. Tra Cremona, Crema e Lodi” torna, dopo aver già presentato nel 2017 il suo libro sul Record dell’Ora, per raccontarci la Storia del Ciclismo, riferita ad uno specifico territorio geografico, ma che sarà ricca di sorprendenti riferimenti e collegamenti anche con il ciclismo di casa nostra e dei nostri campioni.

Se per Ottonelli e Porta la Paris-Roubaix è stato un sogno che si è avverato e raccontato nel libro omonimo sull’impresa, la voglia di far ancora parte della leggenda del ciclismo ripercorrendo le strade dove grandi campioni hanno fatto la storia di questo magnifico sport ha stimolato i due amici di pedale a tornare, a vent’anni di distanza, nel Nord per ingaggiare una vera e propria sfida con la classica dei muri: il Giro delle Fiandre.

Ed ecco dunque un nuovo libro ed un nuovo viaggio. Un viaggio verso i luoghi simbolo di un certo tipo di ciclismo, fatto di emozioni forti ma anche e soprattutto di grandi fatiche sui pedali. Un viaggio che nel libro prende avvio già dalla preparazione invernale - l’evento si svolge ad inizio aprile proprio il giorno prima della corsa dei professionisti - fatta principalmente di uscite in bicicletta in una stagione climaticamente non proprio adatta per raccimolare chilometri e fatiche sui pedali.

Ma il clou del racconto è senza dubbio rappresentato dal diario di quella lunghissima giornata trascorsa a spingere sui pedali per poco più di 10 ore, in mezzo a migliaia di altri cicloturisti, per sfidare una classica monumento come il Giro delle Fiandre e per tagliare quel mitico e tanto sognato traguardo di Oudenaarde, dopo aver pedalato per 227 km. e superato 2.189 mt. di dislivello.

E pedalando idealmente con Ottonelli e Porta, tra un muro e l’altro, per le strade del Nord che hanno fatto la storia del ciclismo ci sarà modo di conoscere, con Fabio Guerini e la sua ultima fatica editoriale, la Storia del ciclismo del territorio compreso tra Cremona, Crema e Lodi dalla fine ‘800 ai nostri giorni.

Avremo modo di scoprire i corridori che si cimentavano in epiche gare ciclistiche in sella alle prime “macchine a pedali” per arrivare fino a Jacopo Guarnieri, oggi professionista della FDJ. Oltre alle pagine dedicate alle corse giovanili più importanti attuali ci sarà modo di approfondire le partenze e gli arrivi del Giro d'Italia nel territorio, e i Circuiti degli Assi (con le sfide tra Coppi e Bartali a Cremona e Lodi).

Diversi gli spunti e gli aneddoti, anche con curiose sorprese, che riguardano i nostri Fausto Coppi o Giovanni Cuniolo.

All’incontro sarà presente anche l’ex corrdiore Ivan Cerioli, Lodigiano, classe 1971, professionista dal 1995 al 1998, bronzo ai Mondiali nell’inseguimento a squadre nel 1989 a Lione, Olimpionico nel 1992 a Barcellona (quarto classificato nell'Inseguimento a squadre con Lombardi, Brasi, Beltrami e Trezzi).

Nel ‘95 disputa fra le altre la Campagna del Nord, e alla Roubaix è in fuga, venendo ripreso all'ingresso nella Foresta di Aremberg. Nel ‘96 conclude il Tour de France, una lotta per la sopravvivenza per un gregario, tra giornate di estremo freddo e altre di 40°.

Al termine, in collaborazione con la cantina dei Vignaioli del Tortonese, di Tortona (AL), verrà offerto a tutti i presenti un aperitivo con degustazione vini del territorio dei Colli di Coppi. Come per tutti gli appuntamenti anche in questo caso un particolare ringraziamento è rivolto ad Unità Gamma-Servizi di Sicurezza e alla Fondazione C.R. Tortona che con il loro contributo hanno permesso la realizzazione dell’edizione 2018 de Gli Incontri Cicloletterari de LaMITICA nonché all’Associazione Le Magnolie per l’utilizzo della Residenza Il Borgo di Castellania.

Appuntamento successivo: Domenica 11 Marzo, alle ore 16:30 presso la “Locanda il Grande Airone” con il giornalista e scrittore Claudio Gregori e il suo libro “IL CORNO DI ORLANDO. Vita, morte e misteri di Ottavio Bottecchia”