Tu sei qui

Linea ferroviaria Asti-Alba. Gabusi: "Non parteciperò alla firma di inutili protocolli d'intesa"

-

Il sindaco di Canelli, Marco Gabusi, non parteciperà all'incontro di mercoledì 25 ottobre a Neive (CN) per la firma della convenzione sulla riapertura della linea ferroviaria Asti-Alba, ma ci tiene a precisare la sua posizione e quella dell'Amministrazione comunale canellese:

"Siamo d'accordo alla riapertura di questa tratta ferroviaria, ma non vogliamo essere presi in giro con inutili protocolli d'Intesa che arrivano a distanza di 20 mesi da un incontro in cui tutti avevano manifestato la loro volontà di riapertura della tratta. Questo ci sembra solo un tentativo di dilazionare i tempi, trovando strane formule anche dialettiche, per giustificare un ritardo incomprensibile. Sono passati 20 mesi dal 29 febbraio 2016, giorno in cui ci siamo incontrati con l'Assessore Balocco a Castagnole delle Lanze (AT), ed il giorno successivo la Regione affermava che avrebbe trovato i fondi per Asti-Alba; oggi a fine ottobre 2017 la Regione dice che: "La Regione si impegna a istituire forme di collaborazione istituzionale per ricevere fondi necessari al ripristino della linea".

Vi sono, poi, due fattori che avvalorano la tesi di una Regione attendista: la Alessandria-Castagnole Lanze, cosa come la Asti-Castagnole, non ha alcun problema strutturale e poteva essere riaperta già da mesi, ma di questo nessun Assessore parla esplicitamente. Così come non si cita mai lo studio dell'Agenzia per la mobilià piemontese, ente a partecipazione regionale, che indica quali sono gli interventi indispensabili per un servizio efficiente su rotaia, e quale sarebbe il maggior onere a carico del sistema pubblico.

In questo documento si può notare come sia necessario un interscambio nei pressi della stazione di Motta di Costigliole, mentre il costo annuo maggiore rispetto all'attuale si attesti intorno ai 3,8 milioni di ruro.

Diventa allora comprensibile l'atteggiamento della Regione, che da un lato cerca un escamotage che le consenta di arrivare a fine mandato, visto che dall'altro non ha intenzione di trovare i soldi necessari per gli investimenti, non tantomeno per i costi di esercizio".

«Per mettere fine alle strumentalizzazioni, abbiamo approvato una delibera d'indirizzo composta da una frase soltanto: "Il Comune di Canelli è favorevole alla riapertura immediata della Alessandria-Castagnole Lanze e ad una pianificazione urgente degli interventi necessari alla riattivazione della Asti-Alba - conclude il sindaco, Marco Gabusi - sperando che oltre a protocolli, tavoli tecnici e convegni si passi finalmente ai fatti, perchè da anni ormai vediamo solo più rotaie e non treni».

Commenta con il tuo account Facebook!