Tu sei qui

Castelnuovo B., "Motobagnacaudaday" per festeggiare il patrono dei motociclisti

-

Si è svolta domenica scorsa a Castelnuovo Belbo (AT) la prima edizione "Motobagnacaudaday" e l'inaugurazione dell'opera artistica dedicata a San Colombano, il santo irlandese nominato protettore dei motociclisti il 23 novembre del 2002 durante il papato di Giovanni Paolo II.

L'idea proposta alcuni mesi fa dal consigliere Claudio Bevilacqua nonchè socio motoclub A.s.d. New Castle è stato subito apprezzata dal direttivo del Motoclub che hanno organizzato una giornata dedicata a San Colombano.

Alla messa presso la Chiesa San Biagio hanno partecipato motociclisti lasciando il proprio casco sotto l'altare che Monsignor Giovanni Pistone ha provveduto a benedire.

Al termini della funzione ci si è trasferite in via San Colombano 1 per l'inaugurazione dell'opera dedicata al patrono dei motociclisti: il Sindaco Aldo Allineri, prendeva la parola e raccontava la figura di San Colombano ai presenti: del monaco che aveva girato durante la sua vita in tutta europa realizzando numerose abbazie per poi giungere gli ultimi anni della sua vita a Bobbio (PV): essendo stato un gran viaggiatore i motociclisti riconosco in lui la figura del santo patrono per la passione che li unisce.

Dopo aver ringraziato l'Associazione New Castle, il Sindaco unitamente al Presidente Giovanni Irudal, tagliavano il nastro e scoprivano l'opera artistica che rappresenta una ruota di una moto con al centro l'immagine San Colombano (nella foto).

Il Consigliere Claudio Bevilacqua leggeva una preghiera dei motociclisti a San Colombano e Monsignor Pistone benediva il cippo.

Una sessantina di persone hanno partecipato alla prima edizione della motobagnacaudaday con la bagnacauda servita in versione tradizionale.

Per l'occasione è stato organizzato un gioco a domande e risposte su vari argomenti legati al mondo delle moto a cui è stata decretata vincitrice Miss Colombana una signora di Alessandria a cui è stato donato un cesto ricco di cardi e alcune bottiglie di barbera d'asti (segue foto).

 

 

Commenta con il tuo account Facebook!