Tu sei qui

Canelli, Il posto delle trifole difende l'ambiente è il motto della Fiera del Tartufo

-

La Fiera Regionale del Tartufo Bianco d’Alba e d’Astesana torna domenica prossima 12 novembre sotto l’egida di Patrimonio dell’Unesco ed è attenta all’ambiente. “Canelli, il posto delle Trifole” si candida, anche quest’anno, a luogo che salvaguarda la natura grazie ai trifulao, i cercatori del “re bianco”, che con i loro tabui, i cani addestrati alla cerca, sono le vere sentinelle del territorio.

"Ambiente e tartufo sono un binomio imprescindibile checome spiega Piercarlo Ferrero presidente dell’Associazione Trifulao Canellesi - devono trovare la perfetta sinergia perché senza uno non può esserci l’altro".

La manifestazione organizzata dalla Pro Loco Antico Borgo Villanuova di Canelli con la supervisione dell’Assessorato alle manifestazioni del Comune di Canelli.

All'appuntamento tradizionale è abbinata anche l’Antica Fiera di San Martino, popolare kermesse che affonda le proprie radici nella storia e nelle tradizione del Monferrato.

Ricco il programma che propone l’organizzazione, alla quale partecipa l’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana con un pool di sponsor tra i quali spicca l’Agrigarden di Canelli.

Dalle 8, nel centro storico cittadino, prende il via l’Antica Fiera di San Martino, con oltre 100 bancarelle, mentre in corso Libertà e nell’area della stazione ferroviaria scatta la Fiera regionale del Tartufo con esposizione e vendita di tartufi e mercatino di prodotti enogastronomici del territorio. Alle 10 omaggio al Tartufo con il concerto della banda musicale “Città di Canelli” diretta dal maestro Cristiano Tibaldi.

Nuova location della “Mostra concorso del tartufo bianco” in collaborazione con l’Associazione Trifolao di Canelli, con esposizione dei migliori pezzi di “trifola” raccolta nel territorio d’Astesana. Premi a “trifolao”, commercianti e ristoratori. L’appuntamento è dalle 10,30 all’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana in via Giuliani.

Testimonial della giornata Emilio Isca e Carlo Sterpone, due delle firme più affermate dell’umorismo italiano. A loro il compito di commentare, con la matita, il tema “Il Tartufo, questo (s)conosciuto”. Mostra e presentazione del libro “UmorIsca” (Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana).

Totalmente rinnovata la “tartufaia didattica” per la cerca simulata del tartufo che trova posto nella centralissima piazza Cavour. Una vera e propria area predisposta con terreno, erba, piante e fogliame che incarna le caratteristiche organiche e visive della stagione autunnale, dove trifulau e tabui accompagneranno i visitatori in una stimolate cerca del tartufo a cura dell’Associazione Trifulao di Canelli. Esibizione di Agility Dog a cura dell’AGRIGARDEN di Canelli.

Alle 12, presso l’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana Via G. B. Giuliani 29. premiazione per tutti i partecipanti con cani “Tabui” e pranzo offerto ai “Tabui” a cura di AGRIGARDEN di Canelli.

Dalle 12, nel centro storico, “Gastronomia, tartufi & volontariato”: piatti tipici a cura delle Pro loco del territorio. Pranzo con tartufo nei ristoranti della città e sulle colline Patrimonio Unesco.

Visita alle “cattedrali sotterranee”, le cantine storiche Patrimonio Unesco. Abbinata alla visite alle Cantine storiche Bosca, Contratto, Coppo e Gancia ci sarà la Giornata Europea dell’Enoturismo. Le “Cattedrali sotterranee” saranno visitabili secondo il seguente programma:

Casa Bosca, dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18,30, Tel. +39 335 7996811:

Casa Contratto, “Aperta tutti i giorni dalle 10,00 alle 18,30. Visita e degustazione a € 25,00/px e durano circa 90 minuti. E’ gradita la prenotazione al n. 0141/823349 oppure inviando una mail a elisa@contratto.it”.

Casa Coppo, dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18; visite alle ore 11, 14,30 e 16,30, Tel. +39 0141 823146

Casa Gancia, visite alle 10, 11 e 12, il pomeriggio alle 14, 15,16 e 17. Tel. +39 0141 830253 – +39 0141 830262

 

 

 

 

 

 

Commenta con il tuo account Facebook!