Tu sei qui

Camagna M.to, donazione fondo Emilio Pugno al Museo di Casa Giambone

-

La Sezione ANPI di Camagna Monferrato (AL) è lieta di annunciare l'arrivo, presso la propria sede, di una donazione molto importante per il progetto di Museo della Resistenza che sorgerà all'interno della Casa natale dei fratelli Vitale, caduto nella guerra di Spagna, ed Eusebio Giambone, medaglia d'oro al valor militare.

Tutto è cominciato qualche mese fa, quando l'organismo direttivo della sezione monferrina ha richiesto a tutti i principali istituti storici del Piemonte e del resto d'Italia, di poter ricevere i volumi doppi per arricchire l'offerta museale con un centro di documentazione che possa essere qualificante per tutto il territorio.

Dopo aver ricevuto un primo riscontro positivo da diversi istituti del torinese e non solo, è arrivata un'importante risposta: grazie alla mediazione dell'Istituto Gramsci, che ha fatto "incontrare" il progetto museale di Casa Giambone con il fondo librario appartenuto a Emilio Pugno (nella foto).

"Con questa donazione è stato aggiunto un importante tassello verso la realizzazione del museo della Resistenza che ha contraddistinto, fin dalle origini, la nostra Sezione ANPI", commenta il presidente Luca Beccaria. "Questo fondo, che per tutti è e rimarrà denominato come "Fondo Emilio Pugno", permetterà alla nostra piccola realtà di arricchire l'offerta culturale con i volumi appartenuti a una grande figura, spaziando dall'ambito storico a quello socio-politico, in breve tutto ciò che occorre a un centro di documentazione".

"Come Sezione cogliamo l'occasione per ringraziare la famiglia Pugno per l'importante dono e l'Istituto Gramsci per l'attiva collaborazione. Per noi sarà come riportare qualcosa a casa, infatti, dalle nostre ricerche recenti abbiamo scoperto che, assieme a Pugno, tra i licenziati per rappresaglia politica e sindacale del 1955, c'era anche Alessandro Massaza, denunciato al Tribunale speciale durante il fascismo, combattente nella guerra di Spagna e poi comandante partigiano col grado di capitano, originario proprio di Camagna Monferrato".

Infine, la collaborazione con l'Istituto Storico della Resistenza di Torino ha portato all'aggiunta di un altro piccolo tesoro: è stato recuperato il dattiloscritto di Leandro Scamuzzi, partigiano originario di Camagna, impegnato nella Resistenza nel cuneese da cui è stato tratto il libro, presentato qualche anno fa, Resistenze - Quelli di Paraloup a cura di Beatrice Verri e Lucio Monaco.

 

Commenta con il tuo account Facebook!