Territorio & Eventi

Soroptimist Asti: progetti e premio di Laurea in memoria di Cristina Camera prematuramente scomparsa

Scritto da La redazione Giovedì, 11 Lug 2019 - 0 Commenti

L’istituzione del Premio di Laurea Soroptimist “Cristina Camera”con scadenza del relativo bando il 31 luglio 2019 e la realizzazione delle opere di raccolta e di canalizzazione delle acque piovane all’ ospedalino missionario in Kouvè in Togo, attraverso l'attivata raccolta e devoluzione dei fondi, rivestono un doveroso tributo in memoria di una persona davvero speciale.

Il Soroptimist International, associazione mondiale di donne di elevata qualificazione professionale persegue con  azioni concrete la promozione dei diritti umani, la promozione del potenziale delle donne e il sostegno all'avanzamento della condizione femminile, l' accettazione della diversità e la creazione di opportunità per trasformare la vita delle donne, attraverso la rete globale delle socie e la cooperazione internazionale.

E Soroptimist International Club Asti, ha avuto l'onore di annoverare tra le sue socie e Past President  Cristina Camera (nella foto di apertura del servizio) designer specialista esperta  in bioarchitettura, vera Cittadina del mondo che amava far parte di un’Associazione Internazionale di Donne, quale appunto Soroptimist International , che promuove e attua progetti con e per le donne in tutto il mondo.

Cristina, dopo gli studi al "Design Institute of San Diego" in California e poi presso il Centro Superiore di Architettura e Design di Milano, si è ulteriormente specializzata come Tecnico in Architettura Bioecologica, sviluppando un particolare interesse per le problematiche connesse all'ambiente e alla sostenibilità.

La sua prematura scomparsa nel maggio 2017, a soli 53 anni, ha fortemente determinato il Club, -Presidente  Dott.ssa Daniela Timon, Presidente eletta Arch. Franca Giovanna Varvello (nella foto in chiusura del servizio)- ad onorarne la memoria nel solco delle sue esperienze, dei suoi insegnamenti , delle sue azioni e dei  valori etici soroptimisti “I Diritti Umani per tutti, la pace nel mondo e il buonvolere internazionale, la trasparenza e il sistema democratico delle decisioni, il volontariato, l'accettazione delle diversità e l'amicizia”.

Per il  valore e in continuità con le esperienze di sostegno ambientale e di solidarietà che Cristina aveva intrapreso, durante la sua Presidenza, in collaborazione con i Club Soroptimist di Milano Fondatore e Milano Scala al progetto “Acqua per Kouvè in Togo”, il progetto è stato esteso con il sostegno agli interventi necessari e urgenti di raccolta e di canalizzazione delle acque piovane dell' ospedalino missionario di  Kouvé, Togo.

"Il  SI Club Asti - conferma Franca Giovanna Varvello, presidente - ha inteso e intende dare valore e continuità all' esperienza di sostegno ambientale e di solidarietà messa in campo da Cristina in Togo e  ha pertanto attivato, unitamente alla sua famiglia,  la raccolta   di  6.500,00 euro e devoluto a fine ottobre 2018  l' equivalente somma di  4.234.200 F CFA alla Comunità  Missionaria delle” Suore della Provvidenza di San Gaetano Thiene”, per realizzare gli  interventi indifferibili di raccolta e di canalizzazione delle acque piovane dell' ospedalino di Kouvé. Il centro sanitario  missionario di Kouvè è stato costruito nel 1986 su un terreno che la popolazione  ha donato a questo scopo; ha iniziato  l' attività con un piccolo centro nutrizionale e con il passare degli anni si è molto sviluppato in risposta ai gravi bisogni sanitari della popolazione. Oggi è dotato di tre  ambulatori, di un reparto di pediatria e di medicina generale, del reparto maternità,di un centro di presa in carica degli ammalati di AIDS, di laboratorio e della farmacia".

Nel settembre 2018, Suor Dores  referente della Struttura  Missionaria, aveva  evidenziato al SI Club Asti che: “(…) Riceviamo molti ammalati, soprattutto bambini, che vengono da tutta la regione dello Yoto. La popolazione è molto povera. Le varie strutture sono state costruite su un terreno un po in dislivello e arginoso, per questo è urgente canalizzare le acque piovane. E’ importante farlo adesso durante la stagione delle pioggie. Allego alcune foto, ma vi manderemo tutta la documentazione dei lavori , una volta cominciati. Metteremo nella struttura di accoglienza la foto di Maria Cristina. E poi vi aspettiamo con grande gioia e riconoscenza il prossimo anno. Un caro e riconoscente saluto a tutte le socie del Club di Asti e in particolare alla famiglia di Cristina. Sr Dores (…)”.

Nel gennaio 2019  Suor Dores , inviando  le fotografie  sullo stato di avanzamento dei  lavori ha comunicato  al Club che :

“(…) I lavori di canalizzazione delle acque piovane nel nostro ospedalino stanno procedendo bene. Abbiamo fatto la parte più alta: dalla maternità, alla pediatria e medicina , al servizio di cura dell’ Aids e la direzione. Ci resta l’ultima parte quella degli ambulatori e del portone di entrata. Nello stesso tempo che facciamo la canalizzazione tracciamo anche le strade interne e il Centro ha tutto un altro volto. Sarà quindi più facile nel futuro situare meglio il posto dei futuri nuovi servizi. La popolazione ha molto apprezzato questa realizzazione. (…) siamo coscienti che avete fatto moltissimo (…) A ciascuna di voi assicuriamo la nostra preghiera e alla famiglia della carissima Cristina tutta la nostra vicinaza e riconoscenza. Fraternamente sr Dores e comunità (…)”.

In ricordo di Cristina Camera, il SI Club Asti sta programmando una visita all' “Ospedalino”, come lo chiama Suor Dores,  unitamente ai SI Club  di Milano.

Per ricoredare egnamente Cristina, Soroptimist Asti, ha pensato di istituire anche, sulle tematiche di sostenibilità ambientale, di istituire  il Premio , a cadenza biennale,Tesi di Laurea “ CRISTINA CAMERA”, del valore di € 1.000,00 a favore di una tesi di laurea, discussa negli anni accademici 2016/17 - 2017/18 e 2018/2019 presso un'Università italiana o presso un Istituto di Design di Alta Formazione, da una studentessa o da un gruppo di studentesse che abbiano elaborato una tesi su "Design sostenibile, in relazione al risparmio idrico e alla corretta gestione dell'acqua, intesa come bene primario”.

A queste iniziativa ha collaborato  la  Referente Pari opportunità e Consulte, Dott.ssa Giovanna Cristina Gado  

Possono presentare domanda di partecipazione le laureate, di qualsiasi nazionalità, che abbiano discusso una tesi di Laurea in design sostenibile (o ecodesign) presso un’ Università italiana, o diploma di Laurea in Design conseguito presso Istituti italiani di Design di Alta Formazione, negli anni accademici 2016-17, 2017-18 e 18-19, il cui argomento rientri nel ambito del Ecodesign in relazione al risparmio idrico ed alla corretta gestione dell’acqua, intesa come bene primario.

 La scadenza del bando è prevista per il 31 luglio 2019 e la premiazione avverrà nel mese di settembre con un evento appositamente dedicato.

Il bando del premio ed il modulo di partecipazione sono  pubblicati e consultabili nel sito web del Soroptimist Club Asti https://www.soroptimist.it/club/asti/ nella sezione bandi.

La borsa di studio è pari a 1.000,00 Euro e le domande di partecipazione (redatte utilizzando il modulo reperibile sul sito web del Soroptimist Club Asti https://www.soroptimist.it/club/asti/sezione bandi) corredate della documentazione utile alla valutazione, devono essere inviate in formato .pdf alla casella di posta asti@soroptimist.it entro le ore 24 del giorno 31 luglio 2019.

Questo premio ad una tesi di laurea, si rivolge a  giovani donne all'inizio di un percorso lavorativo che le renderà consapevoli del ruolo delicato in questo periodo storico, in cui i problemi legati ai cambiamenti climatici sono così pressanti. È un progetto che rientra nelle più ampie competenze del Soroptimist International che vuole la donna protagonista in ogni ambito del sapere e del lavoro.

La /le vincitrice/i del Premio  riceverà in questo modo il testimone lasciato dalla nostra Cristina, che così tanto credeva al valori della condivisione e della ricerca scientifica, espressione più autentica della sua vita professionale e familiare.