Politica & Istituzioni

Sampeyre, la Forestale è intervenuta con il taglio dei rami piegati dalla neve

Scritto da La redazione Lunedì, 7 Gen 2019 - 0 Commenti

Con la direzione lavori di Stefanino Agù, la squadra della Valle Varaita (7 persone) ha tagliato, in emergenza, gli alberi piegati dalla neve su un tratto della strada che collega il Comune con la frazione di Becetto

A volte, soprattutto nei territori montani, durante il periodo invernale la neve piega gli alberi che si trovano lungo le rive di fianco alle carreggiate causando situazioni di rischio per quanti le percorrono.

A inizio dicembre, è accaduto lungo la strada di collegamento tra Sampeyre e la frazione di Becetto. In Valle Varaita. Il Comune di Sampeyre (Cuneo) ha chiesto l’azione urgente dei Forestali della Regione.

Con la direzione lavori di Stefanino Agù, è intervenuta la squadra della stessa Valle Varaita (7 persone) che ha riportato di nuovo la parte di monte del tratto interessato in condizioni di sicurezza.

Tagliando, in emergenza, le piante pericolanti. Ma l’operazione sta ancora proseguendo. “Il sindaco - spiega Agù - ci ha chiesto di abbattere anche tutti gli altri alberi che, secondo la nostra esperienza, avrebbero potuto essere a rischio per il transito sull’intero pezzo di oltre cinque chilometri che collega le due località. Stiamo lavorando e completeremo i lavori entro la metà del mese di gennaio”.

Il legno tagliato è stato accatastato e verrà ritirato dai proprietari delle rive. Gli interventi sono stati eseguiti utilizzando i fondi regionali destinati al settore. “Le nostre squadre - conclude Agù - hanno la capacità e la professionalità delle ditte private, L’importante, però, è che gli uomini impiegati abbiano i mezzi meccanici adeguati per operare”.

L’assessore alle Foreste, Alberto Valmaggia, è soddisfatto: “Come sempre i nostri Forestali hanno dimostrato concretezza ed efficienza. La Regione cerca di favorire e promuovere tutte le azioni capaci di prevenire i pericoli legati ai fenomeni ambientali e al dissesto idrogeologico”.