Tu sei qui

Soddisfazione del M5S dopo le dimissioni di Rasero da CR Asti

-

Riceviamo e integralmente pubblichiamo

“Con piacere, anche se con grave ritardo, prendiamo atto che finalmente il Sindaco si è dimesso dalla Banca CRASTI. Tale azione di trasparenza sarebbe dovuta avvenire spontaneamente, se non prima, almeno contestualmente all’insediamento in Municipio. In tal modo, con l’atteggiamento di chi non intendeva “farsi dettare l’agenda da nessuno” si è dimostrato anche questa volta che, per abbandonare le amate e ben remunerate poltrone, occorre prima essere messi con le spalle al muro".

Già in occasione del primo consiglio di insediamento il portavoce Massimo CERRUTI a nome di tutto il gruppo M5S, oltre a rilevare la situazione di grave inopportunità, aveva contestato formalmente la condizione di Incompatibilità del sindaco Maurizio Rasero già esistente al momento della sua elezione e perdurata sino ad oggi.

"Il Primo Cittadino deve essere una persona Indipendente, Trasparente e Libera da conflitti di interessi e nella condizione di poter operare le scelte migliori per la collettività. Questa è una vittoria non solo per il M5S che ha perseguito con tutta la determinazione e la forza possibile su più fronti questa battaglia, ma per tutti i cittadini che ora finalmente non avranno più un Sindaco pagato da una Banca".

Ricordiamo che la posizione assunta in Consiglio faceva seguito all’ incontro avvenuto nei giorni precedenti con il Prefetto, alla procedura di Azione Popolare annunciata insieme al legale Avv. Alberto Pasta e attivata nei confronti del sindaco non appena sarebbero arrivati ormai imminenti riscontri anche dalle altre azioni nel frattempo intraprese quali l’esposto inviato all’ANAC, la Segnalazione all’Organismo di Vigilanza della Cassa oltreché all’Organismo Ispettivo della Banca d’Italia in merito il Codice Etico della Banca della banca effettuata dal deputato pentastellato, Paolo Romano.

Ottenuto ciò, la nostra attenzione nei confronti di temi come la legalità e la trasparenza non si esaurisce certo con questo risultato; anzi ora si auspica vivamente che al momento di nominare nuovi componenti si adotti un metodo che privilegi le competenze, l’assenza di possibili conflitti di interesse e l’indipendenza dalla politica.

I consiglieri comunali M5S

Asti

Commenta con il tuo account Facebook!