Territorio & Eventi

Prunetto, nell'Alta Langa un evento di respiro europeo

Scritto da La redazione Lunedì, 16 Apr 2018 - 0 Commenti

A Prunetto arriveranno il 27 maggio i partner del progetto Crinma, ovvero sei nazioni europee confinanti (Polonia e Slovacchia, Italia e Francia, Spagna e Portogallo), oltre a Massimo Gaudina, rappresentante della Commissione europea in Italia.

Il castello di Prunetto, domenica 27 maggio, sarà al centro di una manifestazione di straordinaria importanza per tutto il territorio dell’Alta Langa.

L’evento rientra nel calendario dell’anno europeo per il patrimonio culturale ed è promosso dall’Unione Montana Alta Langa, in collaborazione con il Comune di Prunetto (CN) e l’Uncem Piemonte.

L’Unione nazionale dei Comuni, delle Comunità e degli Enti montani ha inserito la giornata tra le iniziative del Crinma, che vede l’Alta Langa come una delle aree pilota per l’avvio di un progetto di sviluppo locale attraverso la valorizzazione delle risorse culturali, materiali e immateriali, presenti sul proprio territorio.

A Prunetto arriveranno, quindi, i partner del progetto Crinma, ovvero sei nazioni europee confinanti (Polonia e Slovacchia, Italia e Francia, Spagna e Portogallo), oltre a Massimo Gaudina, rappresentante della Commissione europea in Italia.

Ci sarà poi il capitolo “Nocciole e Moscato” dell’Ordine dei cavalieri delle terre di Asti e del Monferrato, che svolgerà il rito d’intronizzazione di nuovi soci con un cerimoniale molto suggestivo che ben si adatta al castello medioevale.

I cavalieri, d’intesa con la Confraternita della nocciola di Cortemilia, hanno già fatto un sopralluogo a Prunetto per mettere a punto tutti i dettagli dell’evento con l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigi Costa. 
 

«Non posso che esprimere piena soddisfazione per la scelta del castello di Prunetto quale luogo di accoglienza dei due eventi di altissimo rilievo a livello europeo», dice il primo cittadino Costa, «spero che l’iniziativa contribuisca favorevolmente allo sviluppo e alla promozione del territorio verso una maggiore consapevolezza, dove le risorse culturali possano diventare un elemento di sviluppo economico e produttivo per tutta l’alta Langa».


  • Adsense slot ID 9166920842">