Territorio & Eventi

Pecetto di Valenza, alla scoperta delle orchidee selvatiche!

Scritto da La redazione Giovedì, 25 Apr 2019 - 0 Commenti

Domenica 28 aprile sesta edizione del “Festival delle Orchidee selvatiche”.

Domenica 28 aprile torna la passeggiata alla scoperta delle orchidee selvatiche a Pecetto di Valenza: l’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino e il Comune di Pecetto di Valenza vi attendono alla sesta edizione del “Festival delle Orchidee selvatiche”.

Pecetto di Valenza è un borgo dal fascino antico ai piedi della sua Rocca, dalla quale si può ammirare il panorama sulla pianura, spaziando con lo sguardo fino all’arco alpino.

Il Bric Montariolo, un modesto rilievo a ovest del paese, è caratterizzato da un’elevata biodiversità, grazie alla quale nel 2012 è stato riconosciuto dalla Regione Piemonte Riserva naturale: prati aridi, radure e boschetti ospitano una decina di specie di orchidee, alcune delle quali rarissime.

PROGRAMMA

Dalle ore 9.00 ritrovo presso il parcheggio degli impianti sportivi e, a partire dalle ore 9.30, partenza per la passeggiata ad anello sul Bric Montariolo, della durata di circa 2 ore (consigliate scarpe da trekking).

Ogni 15 minuti sarà organizzata la partenza di un gruppo accompagnato da una guida esperta. Nel corso dell’escursione, si sosterà ad osservare le orchidee spontanee e si potrà conoscere la loro straordinaria biologia. Lungo il percorso si toccheranno alcuni punti particolarmente panoramici; quindi si farà ritorno al luogo di partenza.

ore 13.00 – Pranzo a cura dell’Associazione “La Fenice” presso il Centro Culturale Comunale “Giuseppe Borsalino”. Costo € 15,00 – Prenotazione gradita (tel. 0131 940121 cell. 334 1135039)

dalle ore 15.00 – presso il Centro Culturale “Giuseppe Borsalino”, ci sarà un incontro di presentazione del progetto “LIFEorchids”, finanziato dalla Comunità Europea, che si pone l’obiettivo di migliorare lo stato di conservazione delle popolazioni di orchidee spontanee, in siti della Rete Natura 2000 nell’Italia nord-occidentale. Caratteristica peculiare di questo progetto è quella di coinvolgere tutti gli interessati, offrendo loro la possibilità di diventare Custodi di orchidee: vi aspettiamo per saperne di più!

L’Università di Torino è capofila, mentre partner del progetto sono l’Università di Genova, il CREA-OF di Sanremo, Legambiente Lombardia Onlus, l’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino, l’Ente Parco di Portofino e la Czech Union for Nature Conservation.

Durante il pomeriggio, sarà presente un esponente del Parco di Portofino che ne illustrerà le caratteristiche.

Per tutta la giornata sarà possibile visitare la Rocca e il Centro Culturale “Giuseppe Borsalino”, con la mostra temporanea “Il mare a Pecetto di Valenza”, composta da pannelli didattici, scenografie e diorami che accompagnano il pubblico e lo introducono alle tematiche della paleontologia, spiegando efficacemente il lento affermarsi della disciplina e le competenze necessarie per realizzare scavi e ricerche sui fossili.

Durante l’escursione non è consentito portare cani.