Cronaca

Ovada, agenti Polstrada salvano Lou Lou abbandonato sulla A26. Ritrovato il padrone

Scritto da La redazione Giovedì, 22 Ago 2019 - 1 Commenti

Lieto fine di una storia che ha avuto protagonista una pattuglia della Polstrada e Lou Lou cane di razza "Akita": sono stati rintracciati i padroni di “LouLou”, il cane di razza Akita trovato lo scorso 10 agosto dai poliziotti nell’area di servizio Bormida Est lungo l’autostrada A26.

Lieto fine di una storia che ha avuto protagonista una pattuglia della Polstrada di Ovada (Alessandria) e Lou Lou cane di razza "Akita", sono stati rintracciati i padroni di “LouLou”, il cane di razza Akita trovato lo scorso 10 agosto dai poliziotti della Polstrada di Ovada nell’area di servizio Bormida Est lungo l’autostrada A26.

Tutto nasce nell’area di servizio Bormida Est sull’autostrada A26. Vagava smarrito tra le auto parcheggiate Il cane si trascinava dietro il guinzaglio ancora attaccato al collare e impaurito stava forse cercando traccia dei suoi padroni quando ha visto avvicinarsi due poliziotti della Stradale di Ovada.

Allertati della presenza del cane dall’addetto al distributore, gli agenti non hanno fatto fatica a conquistare la fiducia dell’animale, che attaccata al guinzaglio aveva una medaglietta con impresso il nome “LouLou”.

Il cane si è subito lasciato accarezzare e si è affidato ai  poliziotti che dopo averlo rifocillato e dissetato l’hanno scortato fino al Centro Veterinario Ovadese. Più volte i veterinari hanno poi cercato di contattare il numero di telefono impresso sulla medaglietta che, però, non risulta attivo.

Recuperati i dati dei padroni tramite il microchip di “LouLou” i veterinari ovadesi proseguivano le ricerche con la collaborazione del servizio veterinario francese.

La Polstrada, intanto, ricorda di segnalare con tempestività al numero unico di emergenza 112 la presenza di un animale in autostrada, anche in una area di servizio, per evitare pericoli per l’animale stesso e gli automobilisti in transito. Per aiutare i i soccorritori  è importante riferire il numero dell’autostrada, la direzione di marcia ed un qualsiasi riferimento come ad esempio un’uscita appena passata, un cavalcavia o un qualsiasi cartello stradale.

Poi finalmente, l’Ufficio Welfare Animale del Comune di Alessandria  e i volontari dell’Ata, l’Associazione tutela animali, ieri hanno aperto le porte del canile sanitario del capoluogo a LouLou.

Proseguita la ricerca del padrone del cane, l’ufficio è riuscito a rintracciare il cittadino francese proprietario dell’animale che, in base a quanto ricostruito, lo scorso 10 agosto era in viaggio con i suoi cinque cani e inutilmente aveva cercato di trovare LouLou, riuscito a scappare quando il padrone si era fermato nell’area di servizio all’altezza di Castellazzo Bormida. Proprio domani la figlia dell’uomo da Venezia raggiungerà Alessandria per recuperare e portare a casa il cane.