Cultura & Spettacoli

Oltre 10mila spettatori per AstiTeatro40

Scritto da La redazione Lunedì, 2 Lug 2018 - 0 Commenti

Per 11 giorni la capitale del buon vino e della buona cucina si è trasformata nella capitale del buon teatro per offrire al pubblico una scelta del meglio del panorama artistico italiano.

È fermento la parola che meglio descrive l’edizione 2018 di AstiTeatro, il prestigioso festival di teatro nazionale giunto alla quarantesima edizione, con la direzione artistica di Emiliano Bronzino, tenutosi ad Asti dal 21 giugno al 1° luglio.

Così come i compleanni importanti sono l’occasione per fare un bilancio della propria vita, anche il Festival ha sfruttato questa occasione per fare un bilancio del suo passato, riproponendo alcuni degli spettacoli che hanno fatto la storia recente del teatro italiano e che hanno debuttato proprio qui e puntare lo sguardo verso il futuro, ospitando diverse prime nazionali e alcuni dei più interessanti talenti contemporanei.

Oggi, al termine dell’edizione numero quaranta, AstiTeatro è più che mai un festival vitale, capace di coinvolgere, interessare e trasformare il teatro in un luogo di scambio e di ritrovo per il pubblico che ha affollato numeroso gli spazi della città, con 10.000 spettatori in 11 giorni.

Filo conduttore di tutta la rassegna è stata la nuova drammaturgia, già missione storica di AstiTeatro e oggi riproposta con una particolare attenzione alla connessione profonda tra messa in scena e scrittura, riconoscendo proprio nella scrittura una delle caratteristiche più importanti di una nuova onda teatrale italiana.

Per 11 giorni la capitale del buon vino e della buona cucina si è trasformata nella capitale del buon teatro per offrire al pubblico una scelta del meglio del panorama artistico italiano.

Tanti i sold out e le standing ovation, da Eugenio Allegri a Danio Manfredini, passando per Emma Dante, Roberto Latini, Gianfranco Berardi, Paolo Rossi, Vetrano e Randisi, Umberto Orsini e l’Orchestra di Piazza Vittorio, solo per citarne alcuni.

Molto apprezzati anche i debutti nazionali “Schiaparelli life” con Nunzia Antonino, “L’uomo sottile” con Massimo Reale, “Gli sposi” di Frosini/Timpano ed “Eracle odiatore” con Michele Maccagno.

Scintille si riconferma come uno degli appuntamenti più amati, un’occasione sia per scoprire nuovi talenti che per riscoprire la bellezza dei cortili storici di Asti.

Lo sguardo di AstiTeatro è rivolto al futuro.

Con queste parole il sindaco Maurizio Rasero e l'assessore Gianfranco Imerito lanciavano AstiTeatro40 lo scorso aprile: "Il festival spegne 40 candeline ma la sua luce brilla più che mai, illuminando la scena del teatro italiano, essendo uno dei suoi protagonisti più longevi. Continuiamo a puntare sulla bellezza del nostro centro storico, sui giovani e sulle nuove drammaturgie, senza dimenticare gli spettacoli che hanno fatto la storia del teatro. Vogliamo guardare al futuro per aggiungere pagine sempre nuove al libro del nostro Festival, un libro dai mille colori, in continua evoluzione e ricco di sorprese. AstiTeatro40 è una festa, e siete tutti invitati!". Promessa ampiamente mantenuta.

Le parole del direttore artistico Emiliano Bronzino inquadrano il lavoro di questo biennio: “Un festival concentra un anno di lavoro e progettazione in pochi giorni di restituzione al pubblico, ed è sempre con una certa tensione che affronto le giornate di spettacolo perché in pochi giorni si misura tutto il lavoro fatto nei mesi precedenti; ma mai come quest’anno ho avuto la netta sensazione che AstiTeatro sia capace di coinvolgere la Città, le Istituzioni e tutto il pubblico in uno sforzo comune di vedere, discutere e vivere il Teatro. Al di là dei numeri di presenze in forte crescita e delle molte serate tutte esaurite, ciò che mi rimarrà più impresso nella memoria di questa quarantesima edizione di AstiTeatro è la partecipazione del pubblico: il desiderio di vedere tutto anche se costretti a correre per la città da un appuntamento all’altro, la voglia di vivere le notti estive dei cortili e delle chiese del festival, la passione e la commozione nei moltissimi applausi, ma soprattutto le molte voci di spettatori che mi hanno fermato ogni sera semplicemente per ringraziarmi della programmazione, e per esprimere il loro amore per il teatro in generale e per AstiTeatro in particolare. Per il pubblico lavoriamo così intensamente, e in lui troviamo la voglia e la forza di continuare. Per questo oltre ai ringraziamenti dovuti al Comune, alla Regione, alle Fondazioni Bancarie e a tutte le Istituzioni che ci hanno appoggiato, ai tecnici e agli organizzatori che lavorano con dedizione e amore oltre la stanchezza che si accumula giorno dopo giorno, quest’anno voglio fare un ringraziamento speciale al pubblico meraviglioso di AstiTeatro, vero protagonista dei 40 anni del festival.”

“Mai come in questa edizione il festival è stato reso possibile dalle tante professionalità Astigiane - aggiunge il direttore organizzativo Gianluigi Porro – che in questi anni sono cresciute e hanno fatto dell’amore per il teatro il proprio lavoro: dalla squadra tecnica coordinata da Dario Cirelli del Teatro degli Acerbi all’ufficio stampa, alle collaborazioni con Spazio Kor, Diavolo Rosso, Cascina del Racconto, Ente Parchi, Biblioteca Astense Giorgio Faletti, la Casa Circondariale di Quarto, Ottolenghi Summer, Circolo Vertigo per Sala Pastrone, Fondazione Gabriele Accomazzo per il Teatro e Centro Studi Alfieriani, senza dimenticare i dipendenti del Teatro Alfieri che dimostrano che quando nel pubblico la passione per il lavoro è autentica l’effetto è decuplicato. E colgo l’occasione per ringraziare di cuore una storica collaboratrice del festival, Ermanna Bonello, per la quale è l’ultimo AstiTeatro prima della pensione”.

AstiTeatro rientra nel progetto PATRIC (vedi allegato), con maggiore sostenitore la Compagnia di San Paolo nell’ambito dell’edizione 2018 del bando Performing Arts.

La scommessa che vogliamo vincere con PATRIC – conclude Bronzino - è quella di creare ad Asti un polo di teatro di innovazione che sia una eccellenza sul territorio piemontese. Asti deve essere la casa di una programmazione di altissimo valore artistico (garantita dai soggetti che la compongono: AstiTeatro, Parole d’Artista, Spazio Kor e @NET) e dove il pubblico di tutta la regione si possa ritrovare. AstiTeatro coi suoi 40 anni di storia e con la sua capacità di essere un centro di rilievo nazionale per la nuova drammaturgia italiana è parte fondamentale di questo progetto che si svilupperà su tutta la stagione. Le conferme diinteresse che ci arrivano dalla Regione Piemonte, dal MiBACT, dalla Fondazione Piemonte dal Vivo e dalle Fondazioni Bancarie che ci sostengono, tra cui la Compagnia di San Paolo attraverso il bando Performing Arts, ci rassicura che siamo sulla buona strada”.

L’appuntamento con AstiTeatro41 è dal 20 al 30 giugno 2019.

I NUMERI DI ASTITEATRO40:

11 giorni di festival

15 spazi di spettacolo, tra ex chiese e luoghi pubblici

più di 50 appuntamenti

più di 150 protagonisti sul palco

più di 50 protagonisti dietro le quinte tra organizzazione e tecnici

più di 10.000 spettatori

500 persone al concerto iniziale dell’Orchestra di Piazza Vittorio

Più di 1.000 persone solo nelle prime ore della Maratona Alfieriana

2 vincitori tra le 8 compagnie di Scintille selezionate tra 124 proposte pervenute

Più di 1.800 spettatori per le due serate di Scintille

e tanti, tanti bicchieri di vino degustati in Asti nuovi Terroir

AstiTeatro40 è organizzato dal Comune di Asti e rientra nel progetto PATRIC, con maggiore sostenitore la Compagnia di San Paolo nell’ambito dell’edizione 2018 del bando Performing Arts, e ha il contributo di: Regione Piemonte, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Fondazione CRT e MIBACT.

 

 


  • Adsense slot ID 9166920842">

Condividi questo articolo

Ti potrebbe interessare anche..

  • Torinese

    A Torino presentato “Il grande libro del Vermouth e dei liquori italiani”, una nostalgica storia infinita


  • Torinese

    Torino, presentato il libro di Dovis e Monge "Gestire il dono: il management del non profit"


  • Dal mondo

    Una traiettoria più ampia dell’Italia nel Mediterraneo


  • asti

    Teatro Alfieri di Asti - Stagione 2018/2019, annunciati altri spettacoli fuori abbonamento