Territorio & Eventi

Monticello, al XXX Premio Giornalistico del Roero riconoscimento per l'informazione del nostro quotidiano

Scritto da La redazione Martedì, 3 Lug 2018 - 1 Commenti

Nel Castello di Monticello d'Alba premiati i giornalisti con una “menzione speciale” ad Alberto Fumi editore e direttore di www.langheroeromonferrato.net per le continua ed originale attenzione per le nostre terrel

Nel millenario scenario del Castello dei Conti Roero, a Monticello, con le finestre spalancate sulla storia e sul mondo, si è svolta con semplicità e commozione la premiazione della XXX° edizione del premio giornalistico del Roero.

Hanno parlato (e bene) del Roero nel mondo, meglio di tutti: un russo  Atanassov Bisso che ha dedicato sette pagine al Roero su una rivista di grande tiratura a Mosca; una inglese Isabel Lee che ha fatto un ritratto raffinato della nostra terra ed una tedesca Jürgen Sorges di Kulinariker.

Per l’Italia Dario Bragaglia spigolatore di bellezze per grandi giornali come La Repubblica e Filippo Apollinari.

Tra i giornali locali Gazzetta d’Alba con il condirettore Maria Grazia Olivero, Isotta Carosso della Stampa, Carlo Borsalino di Idea e Tiziana Fantino di TargatoCN.

Sono stati premiati da Giovanni Negro e Gian Mario Ricciardi insieme ad un gruppo di grandi personalità: dal presidente di Banca d’Alba, Tino Cornaglia, a Giandomenico Testa della Fondazione CRC, ai sindaci do Roero e Langa con fascia tricolore, al “patriarca” Giacomo Oddero, a sponsor d’eccezione (dall’Egea alla Gai).Giacomo Oddero ha detto: “Quando abbiamo cominciato a lavorare qui c’erano miseria e udore, dite ai vostri figli di riservate sempre un sorriso a quelli della mia generazioneche hanno costruito un mito”.

E’ stata una serata in cui storie diverse si sono incontrate:un castello, bellissimo, monumentale, baluardo contro i saraceni, i conti roero e il loro ruolo nella storia; una grande terra; la storia di un’idea che oggi ha 30 anni.

Trent’anni con orgoglio, quelli del premio, nato in frazione Sant’Anna di Monteu.

Premiati i “pionieri dell’Arneis”, premiati gli amici, premiati i giornalisti con una “menzione speciale” ad Alberto Fumi editore e direttore di Langheroeromonferrato.net per le continua ed originale attenzione per le nostre terrel

La Festa si è conclusa con un maxi aperitivo che ha avuto come base i piatti preparati dagli chef del ristorante “Conti Roero" e gli assaggi di molte eccellenze del territorio: il Crudo del Consorzio di Cuneo; la salsiccia del consorzio di Bra i salumi di Quadro di Ferrere; le tinche di Cascina Italia di Ceresole d’Alba;la frutta di stagione di Coraglia di Baldissero d’Alba.Inoltre, c'erano le specialità delle aziende che aderiscono a MEG Mercato  Enogastronomico: Fiorini pesto e pasta fresca di Varazze, Che Bun, allevamento di Bastia, Inaudi funghi e tartufi, la Meiro terre di Castelmagno, la salumeria di Clavesana grissini e pane dei Panificatori Artigiani Albesi; e tutto a base delle varie sfumature di Arnei offerto dai produttori

Storia, gusto, vino eccellenze si sono incontrate “nella storia” di un castello gentilmente concesso dal Conte e la Contessa Roero in una serata magica.

  • Adsense slot ID 9166920842">