Tu sei qui

Esordio per intimi della Bottega del Grignolino in attesa del 30 gennaio, poi week end di fine aprile con il jazz

-

La Bottega del Grignolino riapre. La notizia era nell'aria da qualche mese ma ora c'è la conferma ufficiale. Due date, la prima domenica prossima il 14 gennaio un pre-inaugurazione riservata ai cittadini di Portacomaro (Asti), un atto dovuto per la pazienza dimostrata nel vedere il simbolo del Paese del Grignolino chiuso per oltre sette anni, e poi l'inaugurazione ufficiale, quella in grande stile, con produttori, giornalisti e autorità calendarizzata per il 30 gennaio.

Locali nuovi, ampliati, più luminosi e caratterizzati da elementi di design che da subito dettano le regole del locale ovvero uno sguardo al passato, importanti gli interventi di ristrutturazione conservativa, ma un occhio al futuro con luci, arredi e colori moderni che ne tratteggiano lo spirito giovane e dinamico che avrà la gestione.

Seguirà nel contesto di promozione della Bottega, il primo evento "anarchico e testabalorda" proprio come lo definiva Luigi Veronelli, "ironico e pungente" come l'esclusivo tratto grafico del belga Philp Paquet, ma anche "sensuale e raffinato" come la musica scelta ovvero il Jazz.

Il protagonista del 28-29 aprile sarà ancora il Grignolino. Saranno due giorni speciali alla scoperta di questo vino che dopo anni ha ritrovato la sua nuova Casa con l'inaugurazione e riapertura della Bottega del Grignolino a Portacomaro d'Asti nel Torrione dell'Antico Ricetto.

Un evento voluto ed organizzato da Sistema Monferrato e Gente&Paesi per promuovere uno dei vini autoctoni simbolo del Monferrato, territorio riconosciuto Patrimonio dell'Unesco nel 2014. Un vino dai più definito "difficile", da altri "pepato", dal altri ancora "floreale" o "aranciato" sicuramente uno dei vini che maggiormente risentono del terreno dove viene coltivato.

Proprio per questo viene organizzato un week end all'insegna delle degustazioni cosiddette eretiche, all'insegna cioè della convivialità e del gusto piuttosto che dei tecnicismi eccessivi a cui siamo ormai assuefatti.

I vini in degustazione presso la Casa dell'Artista saranno quelli selezionati dalla Bottega del Grignolino, oltre quaranta i produttori, ma anche da UVA, un originale collettivo di vignaioli artigiani che come amano definirsi coltivano tra Tanaro e Po. Sarà poi protagonista la musica, perchè il 29 e 30 aprile saranno le giornate internazionali del "Jazz per l'Unesco", e proprio a Portacomaro saranno in calendario importanti appuntamenti.

"Sorry, I'm a Gringo". Ma chi è Gringo? Il belga Philip Paquet dedicando un fumetto al Grignolino erroneamente scrisse "Gringolino", immediatamente, tra un bicchiere e l'altro, ne è nato un personaggio, appunto "Gringo" che accompagnerà il turista tra le colline del Monferrato, le cantine dei produttori e le tavole delle trattorie alla scoperta di gusti ormai primaverili e con un tocco di originalità ed estro proprio come il Grignolino, un vino non convenzionale.

A completare l'evento non poteva mancare un accenno al dress code obbligatorio per tutti gli appuntamenti, sarà chiaramente il rosso...un inno al vino, al jazz e alla femminilità.

"Sorry, I'm a Gringo" è su Facebook; per informazioni e prenotazioni per il week end: Sistema Monferrato e Style DivinoTravel.

 

Commenta con il tuo account Facebook!