Cultura & Spettacoli

La Torino dell'800 riscoperta attraverso la narrazione di Giuseppe Culicchia, 45 minuti tutti da vedere! (VIDEO)

Scritto da La redazione Lunedì, 22 Ott 2018 - 0 Commenti

Il film "A spasso con i fantasmi: un viaggio nella Torino dell’800” voluto dalla torinese Fondazione Bersezio sarà presentato in anteprima per il pubblico giovedì 25 ottobre - ore 21,15 - al Cinema Fratelli Marx con ingresso gratuito. In normale programmazione martedì 6 novembre alle 16.00 e martedì 13 novembre alle 18.30.

Torino, “A spasso con i fantasmi: un viaggio nella Torino dell’800”. Un film coinvolgente e trascinante con Giuseppe Culicchia

Un originale viaggio notturno nella Torino ottocentesca. Tratto da “I miei tempi” di Vittorio Bersezio, un libro di memorie personali che in realtà ha come vera protagonista la città sabauda avviata a diventare prima capitale del Regno d’Italia.

Dal calar del buio alle prime luci dell’alba, il percorso del film si snoda tra vie, piazze, palazzi, locali storici, racconti di una Torino apparentemente scomparsa, ma che, a ben guardare, salta fuori a ogni angolo, offrendo lo spunto a ricostruzioni storiche, notazioni curiose, osservazioni ironiche, parallelismi insospettabili tra ieri e oggi.

Vorrei iniziare dalla fine: un grande applauso per la torinese Fondazione Vittorio Bersezio per l’idea geniale e originale di produrre un film sulla cultura risorgimentale e la valorizzazione del patrimonio storico della città subalpina; un altro lo merita senz’altro Enrico Verra, il regista, che è riuscito mirabilmente a costruire un film per un pubblico ampio, a fronte di un tema così specifico, senza l’aiuto di costumi, ricostruzioni d’epoca, cavalli e carrozze, senza un repertorio di filmati d’epoca, perché non esisteva ancora il cinema; uno infinito a Giuseppe Culicchia, che ha curato il soggetto, la sceneggiatura e l’interpretazione: una narrazione incisiva, coinvolgente e trascinante nella magica atmosfera di una fredda notte invernale, che conduce lo spettatore alla scoperta di una Torino apparentemente scomparsa, ma che salta fuori a ogni angolo, offrendo lo spunto a ricostruzioni storiche, notazioni curiose, osservazioni ironiche, parallelismi insospettabili tra ieri e oggi.

Tra vie, piazze, palazzi, edifici e locali storici, il percorso del film si articola in un susseguirsi di scorci urbani e personaggi agli antipodi, alternando “fantasmi” illustri e ignoti, il cuore aulico della città e le sue aree – all’epoca – popolari e periferiche.

Da Fiorio e Il Cambio alla Piccola Casa della Divina Provvidenza, da Palazzo Madama a Porta Palazzo, dal Teatro Regio al Rondò della Forca, s’intersecano in continui giochi d’ombre Cavour e le lavandaie sul Po, Carlo Alberto e le prostitute sotto i portici, i nobili a teatro e gli operai in Vanchiglia.

Le immagini della Torino contemporanea, montate in una sorta di costante dialettica per analogia e per contrasto con le immagini della città d’antan, si alternano altrettanto su due livelli, mostrando luoghi rimasti incredibilmente uguali a sé stessi dal periodo risorgimentale a oggi e altri ormai irriconoscibili.

Rivolto al largo pubblico, il film si ispira a "I miei tempi" di Vittorio Bersezio, libro di memorie personali che in realtà ha come vera protagonista la città sabauda avviata a diventare prima capitale del Regno d’Italia.

Nato da una suggestione di Renzo Rossotti, grande estimatore del testo berseziano, dedicato allo scrittore e giornalista scomparso quattro anni fa, il mediometraggio ha coinvolto nella sua realizzazione talenti e competenze segnatamente torinesi.

Realizzato con il patrocinio della Città di Torino e con il sostegno di Filmcommission Torino Piemonte, A spasso con i fantasmi ha attinto a un vasto patrimonio di testi e immagini d’epoca attraverso le maggiori istituzioni di riferimento che hanno sede sotto la Mole.

Per il reperimento della documentazione storica e iconografica, infatti, ci si è avvalsi della fattiva collaborazione del Museo Nazionale del Risorgimento italiano, dell’Archivio storico della Città di Torino, della Fondazione Torino Musei, del Centro Studi Piemontesi - Ca dë Studi Piemontèis e del Museo di Antropologia criminale Cesare Lombroso.

L’attore Mario Brusa ha partecipato al film nel ruolo di produttore esecutivo attraverso la società Videodelta, mentre Paolo Dellapiana, componente della cult-band torinese dei Larsen, è l’autore delle musiche originali.

“Quando sono stato contattato dalla Fondazione Bersezio – ha commentato il regista Enrico Verra - e mi è stato chiesto di provare a immaginare un documentario che, prendendo spunto dall’autobiografia di Vittorio Bersezio I miei tempi, raccontasse la Torino dell’800 e che fosse destinato ad un pubblico non specialistico e più ampio possibile, ho accettato la proposta senza esitazioni perché mi è sembrata subito una sfida bella e appassionante da molti punti di vista”.

“Un viaggio tra i fantasmi, dal boia che abitava in pieno Quadrilatero alle lavandaie del Lungo Po, passando per gli intellettuali e i patrioti che frequentavano i caffè storici dell’Ottocento, che mi ha permesso di scoprire – sottolinea Giuseppe Culicchia - come della Torino di Vittorio Bersezio, e dunque del Risorgimento, restino tracce indelebili, anche se talvolta non ne siamo consapevoli”.  

A spasso con i fantasmi. Un viaggio nella Torino dell’800 uscirà giovedì 25 ottobre, in anteprima, al Cinema Fratelli Marx, alle ore 21.15, con ingresso gratuito.

In normale programmazione martedì 6 novembre alle 16.00 e martedì 13 novembre alle 18.30. Quarantacinque minuti tutti da vedere!

Andrea Di Bella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


  • Adsense slot ID 9166920842">

Condividi questo articolo

Ti potrebbe interessare anche..

  • Torinese

    Torino, al giovane scienziato cileno César Hidalgo il Premio Lagrange-Fondazione CRT 2018


  • asti

    Alla Biblioteca Astense incontro con Paolo Bricco autore di "Marchionne lo straniero"


  • Italia

    Concluso a Varese il 7° Glocal, protagonista il giornalismo digitale


  • Torinese

    A Torino presentato “Il grande libro del Vermouth e dei liquori italiani”, una nostalgica storia infinita