Economia & Lavoro

"La Ferrero sfrutta i lavoratori turchi" attacco di consigliere M5S Lazio, il collega albese lo stronca

Scritto da La redazione Giovedì, 22 Ago 2019 - 1 Commenti

Il consigliere regionale del Lazio, Davide Barillari (M5S) attacca via Twitter la Ferrero. Ivano Martinetti: "E' una grande impresa che ha dato e continua a dare lavoro, benessere e lustro all’albese rendendo questo territorio protagonista a livello internazionale". 

Il consigliere regionale del Lazio, Davide Barillari (M5S) attacca via Twitter la Ferrero, sostenendo che "condanna i lavoratori alla fame", e sui social infuria da due giorni la polemica con numerosi internauti che prendono le difese del colosso dolciario di Alba (Cuneo).

"Nutella, buona. Poi - è il messaggio lasciato dall'esponente politico pentastellato - scopri che il fatturato della Ferrero è di 10,7 miliardi e condanna i lavoratori alla fame (15 euro al giorno di paga). Io non compro più nessun prodotto che calpesta i diritti dei lavoratori".

"Lei lo sa - è la critica di una donna - che dalla Ferrero non è non è mai stato licenziato un lavoratore? Lei lo sa che in Piemonte intere famiglie hanno noccioleti per Ferrero?".

C'è chi ricorda che "ai funerali di Ferrero (fondatore) c'erano tutti gli operai in lacrime", chi invita il consigliere a dare maggiori chiarimenti, chi osserva che l'azienda "ha un welfare da fare invidia" tanto è vero che "in caso di decesso di un lavoratore che lascia minori si occupa di pagare gli studi fino al loro completamento".

E c'è chi fa presente che, in base a un rapido calcolo, secondo il post di Barillari gli operai della Ferrero prenderebbero solo "300 euro al mese".

"Ferrero è una grande impresa che ha dato e continua a dare lavoro, benessere e lustro all’albese rendendo questo territorio protagonista a livello internazionale. 

E’ inaccettabile quindi parlare di assurde iniziative di boicottaggio che non sono condivise, in alcun modo, dalla comunità politica a cui appartengo. Chi l’ha fatto si assumerà le conseguenze di una presa di posizione così netta. 

Importanti esponenti del Governo hanno avuto modo di incontrare recentemente la dirigenza Ferrero in un proficuo confronto per la promozione di una produzione sostenibile sotto il profilo ambientale. Sostenibilità ambientale e politiche del lavoro sono le sfide del futuro. Da affrontare in sede di Governo e insieme all’Unione Europea. Non certo a colpi di tweet".

Questa la risposta piuttosto piccata del collega del movimento pentastellato, Ivano Martinetti, consigliere regionale albese.