Tu sei qui

Il Consorzio Turistico Asti e Monferrato diventa SISTEMA MONFERRATO

-

Il Monferrato ha ottenuto nel 2014 il più prestigioso riconoscimento che l'Unesco potesse concedere: è un Patrimonio dell'Umanità grazie al suo paesaggio, alle sue colline, ai suoi profumi, alla sua storia ed alla sua cultura, oltre che per la sua ricchezza enogastronomica, che annovera vini e prodotti d'eccellenza apprezzati in tutto il mondo.

Nel 2017 AcesEurope lo riconosce come "European Community of Sport 2017"; la Città di Asti e il Comune di Casale Monferrato si sono candidate a diventare Capitale Italiana della Cultura nel 2020. Risultati e obiettivi che vogliono porre l'attenzione sul "Monferrato", un brand turistico e un territorio che si vuole presentare a tutti coloro che amano le attività outdoor, gli sport, le terme, i centri per lo shopping, i percorsi escursionistici, la buona cucina, la ricettività discreta e rilassante, i monumenti storici, gli eventi culturali e quant'altro possa far sentire un turista appagato dalla scoperta di questi unici ed indimenticabili angoli di mondo.

Questo percorso di promozione di un "Monferrato unico" nasce nel 2010 grazie ai consorzi turistici delle provincie di Asti e Alessandria, prende forma nel 2014 e viene poi formalizzato nel 2016 grazie ad un protocollo di intesa sottoscritto da 23 realtà tra cui le CCIAA di Asti e Alessandria, le ATL, le Fondazioni bancarie del territorio, i centri zona delle due Provincie e dall'Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato.

Il 29 maggio 2017 nasce "Sistema Monferrato" grazie al Consorzio Operatori Turistici Asti e Monferrato e alla definizione di un'alleanza tra i maggiori operatori privati del territorio, PiemonteBike, Mon.DO, Case Piemontesi, importanti collaborazioni con FederAlberghi Alessandria e AcquiTerme e con gruppi di operatori privati già operativi sul territorio.

Finalità chiare e precise: rappresentanza della filiera turistica e promo-commercializzazione del prodotto turistico "Monferrato". Particolare attenzione sarà data al prodotto outdoor, al turismo sportivo (Cicloturismo, Trekking&NordicWalking, Golf) e al turismo for all.

Sistema Monferrato riparte con una rete di oltre 70 soci albergatori (oltre 700 camere e 1600 posti letto) e oltre 100 soggetti della filiera turistica di qualità.

"Da alcuni giorni è stato richiesto alla Regione Piemonte il riconoscimento del nostro consorzio, unico attivo nel Monferrato, come Consorzio di Operatori privati di rilevante interesse regionale ai sensi del art.18 della LR 14 del luglio 2016 che ha riorganizzato il sistema turistico in Piemonte" così il Presidente Andrea Cerrato "siamo pronti ad affrontare nuove sfide, ci stiamo ri-organizzando sul territorio, prepariamo le prossime presentazioni, dopo Copenaghen con la DMO-PiemonteMarketing, sarà ora la volta di Lugano e poi a Udine e al TTG di Rimini in ottobre. Saranno importanti le azioni di formazione e in via di definizione un'azione b2b per il mercato estero e italiano. Partner di Sistema Monferrato dovranno essere le ATL e le CCIAA di riferimento ma anche i GAL (sono 4 nell'area del Monferrato) e le Associazioni di Categoria. C'è molto da fare ma ricordiamoci che nel 2016 in Monferrato abbiamo avuto oltre 1 milione di presenze turistiche. Un'ottima base!"

Sedi operative ad Asti, in via Carducci 43, e Casale Monferrato in via XX settembre 7.

Sistema Monferrato è:

Andrea Cerrato - Presidente (per l'area di Asti)

Stefania Grandinetti - VicePresidente (PiemonteBike e area Alessandria)

MariaVittoria Gattoni - Consigliere (per l'area di Casale Monferrato)

Viviana Battistetti - Consigliere (per l'area di Nizza-Canelli)

Gianni Ferrero - Consigliere (in rappresentanza delle Associazioni)

Augusto Olearo - Consigliere (per il nord astigiano)

Matteo Gandetto - Consigliere (per l'area Gavi)

Nella foto Andrea Cerrato con il direttivo del Golf Feudo di Asti in occasione della presentazione del progetto "Viaggio Italia - il Monferrato"

Commenta con il tuo account Facebook!