Politica & Istituzioni

Giuseppe Costa (sindaco di Montà): Casa della Salute, risparmio energetico e impianti sportivi gli obbiettivi raggiunti dal Comune"

Scritto da La redazione Mercoledì, 3 Gen 2018 - 0 Commenti

"L'anno si è concluso discretamente bene, anche perché da inizio anno le prospettive che potevano essere non erano non delle più rosee. Alla luce di questo, si può dire che l’anno è stato abbastanza favorevole, per cosa può essere anche a livello economico di tutti i comuni che sono qua in Italia per il fatto della poca disponibilità economica che si ha"

Sabato mattina scorso, 30 dicembre, il sindaco di Montà d’ Alba (Cuneo), importante centro del Roero, Giuseppe Costa, ha ricevuto langheroeromonferrato.net, nel suo studio. Propositivo alle nostre domande, ha risposto con cortesia.

Fine anno è tempo di bilanci, anche non prettamente economici. Come si è concluso l’anno a Montà dal punto di vista amministrativo?

"Direi che si è concluso discretamente bene, anche perché da inizio anno le prospettive che potevano essere non erano non delle più rosee. Alla luce di questo, si può dire che l’anno è stato abbastanza favorevole, per cosa può essere anche a livello economico di tutti i comuni che sono qua in Italia per il fatto della poca disponibilità economica che si ha.

Comunque in quest’anno, si è iniziato a ristrutturato la Casa della Salute, dove credo che a metà 2018, siano conclusi. Si è ampliato il cimitero, capoluogo di Montà e abbiamo acquisito a fianco nell’area sportiva, del terreno di circa 10.500 m, con un capannone, per eventuale spostamento dei cantonieri dalla sede attuale situata sotto la palestra a questo capannone. Così abbiamo, circa, 55.000 m q a disposizione degli impianti sportivi.

Un’altra cosa che è stata fatta quest’anno: abbiamo aderito a una gara sul risparmio energetico, in riferimento alla palestra comunale, negl’impianti sportivi. Abbiamo presentato questo bando di 570.000, 00 E. È stato vinto per un importo, cofinanziato dalla Regione Piemonte di 400.000 E e di 170.000 E, da parte nostra.

Tutto questo verrà, credo, portato avanti, a livello di risparmio energetico come cappotto tutto attorno alla palestra. Si cambierà il tetto. E credo che i lavori, partiranno nella 1° parte dell’estate".

Avrebbe voluto che finisse diversamente, l’anno?

"No, no. Siamo partiti a inizio 2017, le problematiche erano tante e lo sono ancora adesso, però delle cose sono state fatte, sia a livello di territorio, sia a livello di strade, a livello di bandi e tutto sommato a livelli di ristrutturazioni come anche nelle scuole medie. Credo che quest’anno tante cose sono state fatte e a inizio anno se mi avessero detto che avrei questi risultati, sarei già stato soddisfatto allora-cosa che adesso sono ancor di più, perché le ho fatte. Quindi come amministrazione è motivo d’orgoglio, raggiungendo i nostri obbiettivi".

Dalla cittadinanza s’aspetta qualcosa, tipo una certa partecipazione, non solo finanziaria, ma a livello di volontariato?

"Noi, a Montà, dalla cittadinanza-posso dire-che abbiamo già molto e abbiamo molte associazioni di volontariato e quindi fortunatamente da quel punto di vista, premesso che c’è certamente sempre da migliorare in tutti i campi, non sono della cittadinanza, ma anche a livello, nostro, mio personale come sindaco. Noi come amministrazione c’è sempre da migliorare, però, dalla cittadinanza credo che abbia dato un buon apporto al Comune, a livello di associazioni e di aderire, alla vita comunale montatese".

Come sta vivendo questa esperienza, come una missione?

"No, la sto vivendo come un cittadino di Montà. Io credo di non essere un politico, ma credo di essere qui, per poter fare un qualcosa per il paese e soprattutto per i nostri giovani, cercando di mantenere l’incarico e di portarlo avanti, programmando le cose in un modo sempre migliore.

Quindi dico che come sindaco al momento mi ritrovo a fare un qualcosa che mi piace. Un qualcosa che credo sia valorizzato e comunque visto bene dai miei concittadini. Poi certo come ho detto prima c’è sempre da migliorare, però le cose si fanno man mano che si va avanti, come il Museo del Tartufo bianco d’Alba, in combinato disposto, in un progetto unico con il Comune di Alba e quindi andrà avanti e credo che nel 2018, inizierà una fase, diciamo molto più avanzata per la costruzione di questo museo.

Quindi dico che come mandato, come mia soddisfazione personale di questi anni, credo sia buona".

Marco Benotto


  • Adsense slot ID 9166920842">