Tu sei qui

Birraio dell’anno 2018, tra i candidati al titolo due birrifici alessandrini: Canediguerra e Montegioco

-

Birraio dell’Anno torna al teatro ObiHall di Firenze, da venerdì 19 a domenica 21 gennaio 2018.

Ideato e organizzato dal network Fermento Birra, il premio, che riconosce il miglior artigiano della birra italiana, darà vita ad un appuntamento imperdibile per ogni appassionato, ricco di emozioni birrarie garantite da un’offerta super-selezionata composta da oltre 150 birre artigianali alla spina prodotte da 25 birrifici italiani individuati dal voto dei 100 esperti interpellati (vedi Regolamento su www.birraiodellanno.it).

Giunto alla nona edizione l’evento vuole essere una “vetrina” per un settore che vanta eccellenze riconosciute e apprezzate a livello internazionale, un doveroso tributo a prodotti artigianali unici nati dalla maestria e dalla creatività dei nostri birrai, che durante la tre giorni saranno presenti all’evento pronti a raccontare la loro passione attraverso le loro birre.

Come da tradizione, domenica 21 alle 16.30, il noto degustatore Lorenzo “Kuaska” Dabove avrà il compito di condurre la premiazione e pronunciare l’atteso nome del vincitore, sia del premio Birraio dell’Anno, che del Birraio Emergente, riconosciuto al produttore con meno di due anni di esperienza.

Protagonista anche lo street food con una selezione di truck e banchi ricchi di sfiziosità toscane ed extraregionali: la cucina fiorentina di Luca Cai dell’Osteria Il Magazzino con trippa, lampredotto e ribollita; i famosi Trapizzini di Stefano Callegari, i panini di mare del Ristorantino di Pesce, le salsicce, il pulled pork e i salumi da maiali allevati da Pork’n’Roll, gli arrosticini e il fritto dell’Ape Scottadito, e ancora altre golosità.

L’evento sarà impreziosito da degustazioni e incontri gratuiti realizzati nell’area Beer Show sul palco del teatro. Nell’area Beer Match al primo piano, in uno spazio riservato, si svolgeranno le degustazioni guidate (prenotazione obbligatoria). Birrai, esperti, appassionati, curiosi, publican: tutti sono invitati a partecipare ad un evento nato per festeggiare la buona birra artigianale italiana!

Birraio dell’Anno è un evento realizzato da Fermento Birra con il supporto tecnico di Rastal, Sibe Commerciale e Prinz, con la collaborazione di Mr Malt, Ninkasi e Ferrari Group. Media partner: Fermento Birra Magazine.

Candidati al premio Birraio dell’Anno 2017

Agostino Arioli del Birrificio Italiano di Limido Comasco (CO)

Luigi D’Amelio del birrificio Extraomnes di Marnate (VA)

Andrea Dell’Olmo del birrificio Vento Forte di Bracciano (RM)

Pietro Di Pilato del birrificio Brewfist di Codogno (LO)

Riccardo e Davide Franzosi del Birrificio Montegioco di Montegioco (AL)

Conor Gallagher Deeks del birrificio Hilltop di Bassano Romano (VT)

Alessio Gatti del birrificio Canediguerra di Alessandria

Lorenzo Guarino del Birrificio Rurale di Desio (MB)

Luciano Landolfi del birrificio Eastside di Latina

Emanuele Longo del Birrificio Lariano di Dolzago (LC)

Valter Loverier del birrificio Loverbeer di Marentino (TO)

Luana Meola e Luca Maestrini del birrificio Birra Perugia di Perugia

Gino Perissutti del birrificio Foglie d’Erba di Forni di Sopra (UD)

Nicola Perra del birrificio Barley di Maracalagonis (CA)

Matteo Pomposini e Cecilia Scisciani del birrificio MC77 di Serrapetrona (MC)

Marco Ruffa del birrificio CR/AK di Campodarsego (PD)

Mauro Salaorni del birrificio Birra Mastino di San Martino Buon Albergo (VR)

Alessio Selvaggio del birrificio Croce di Malto di Trecate (NO)

Marco Valeriani del birrificio Hammer di Villa D’Adda (BG)

Josif Vezzoli del birrificio Birra Elvo di Graglia (BI)

Candidati al premio Birraio Emergente 2017

Samuele Cesaroni della Brasseria della Fonte di Pienza (SI)

Riccardo Di Profio del birrificio Rebel’s di Roma

Giovanni Faenza del birrificio Ritual Lab di Formello (RM)

Marco Gianino del birrificio Yblon di Ragusa

Stefano Simonelli del birrificio Vetra di Caronno Pertusella (VA).

Quindi la provincia di Alessandria sarà presente con due birrifici candidati all’ambito titolo: Canediguerra di Alessandria e Birrificio Montegioco di Montegioco.

Un risultato che premia i due produttori locali e che, a differenza dei classici riconoscimenti, non intende valutare la bontà di una birra in un preciso momento, ma piuttosto la bravura tecnica del birraio, la sua filosofia e la costanza qualitativa dei prodotti.

Un birrificio che in pochi anni si è affermato nella scena birraria nazionale: Canediguerra.

Il merito produttivo è di Alessio Allo Gatti (nella foto), birraio giovane ma con importanti esperienze all'attivo, che ha saputo conquistare un pubblico voglioso di stili classici impeccabilmente eseguiti come Porter, Vienna Lager, Scotch Ale, tutte birre che troverete in degustazione all'evento di Firenze, assieme alle più luppolate American IPA e Double IPA. Riuscirà a migliorare l'ottimo terzo posto della scorsa edizione?

Dichiara il birraio Canediguerra: “Si viene nominati da una giuria di esperti, giornalisti e addetti ai lavori dell’industria brassicola. Nel 2016 non potevamo essere candidati in quanto eravamo un birrificio troppo giovane. Il birrificio ora ha due anni di attività alle spalle, io ho indirettamente partecipato al concorso lavorando in diversi birrifici, abbiamo quest'anno le carte giuste per vincere. Il 2018 ci porta fortuna".

 

Commenta con il tuo account Facebook!