Politica & Istituzioni

Giaccone (Lega): "Assegnazioni messa in sicurezza edifici proporzionale ai Comuni in quasi default"

Scritto da La redazione Mercoledì, 25 Apr 2018 - 0 Commenti

"In soldoni quindi in questo paese vengono “premiati” i Comuni in dissesto e vengono “beffati” i Comuni virtuosi, con buona pace degli amministratori del nostro territorio, tra cui i tantissimi Sindaci dei piccoli Comuni che svolgono un lavoro importantissimo di riferimento e di presidio mantenendo con enorme sacrificio i conti in ordine".

Riceviamo e integralmente pubblichiamo

Sono assolutamente solidale con il disappunto di tanti amministratori del territorio astigiano riguardo ai criteri per l’assegnazione dei contributi per la messa in sicurezza di edifici e territorio, ci si aspetterebbe che in un paese normale ad essere premiati debbano essere i Comuni virtuosi, quelli che hanno dimostrato di gestire bene la cosa pubblica e le finanze.

Leggendo invece i criteri per l’assegnazione di questi contributi, si apprende che "qualora l'entità delle richieste pervenute superi l'ammontare delle risorse disponibili, l'attribuzione è effettuata a favore dei comuni che presentano la minore incidenza dell'avanzo di amministrazione".

In soldoni quindi in questo paese vengono “premiati” i Comuni in dissesto e vengono “beffati” i Comuni virtuosi, con buona pace degli amministratori del nostro territorio, tra cui i tantissimi Sindaci dei piccoli Comuni che svolgono un lavoro importantissimo di riferimento e di presidio mantenendo con enorme sacrificio i conti in ordine.

Appare inoltre quanto meno sorprendente che non sia stata prevista la possibilità di ricevere finanziamenti per un solo progetto quindi, alcuni comuni hanno preso i soldi per più progetti, mentre altri, (la più parte) sono rimasti completamente a secco.

Ho quindi firmato, assieme a tutti i colleghi parlamentari della Lega del Piemonte ed esponenti di altre regioni un’interrogazione a risposta scritta al Ministero delle Finanze e dell’Economia per sapere se: il ministro interrogato non intenda assumere la più presto le opportune iniziative di carattere normativo al fine di modificare i criteri di assegnazione dei contributi previsti per i prossimi due anni, come specificato in premessa, al fine di premiare, da un lato, i comuni virtuosi e, dall'altro, l'urgenza dei progetti.

Ritengo assolutamente prioritario che questi criteri surreali vengano modificati e si vada verso criteri di puro buonsenso che premino i comuni virtuosi

On. Andrea Giaccone

Lega Salvini Premier

Asti

Questo il passo dell'interrogazione a risposta scritta del Ministrero delle Finanze e dell'Economia relativo al metodo di assegnazione dei contributi previsti per i prossimi due anni

in Piemonte, su 813 richi este di contributi pervenute dai Comuni dislocati nelle o ttoprovince, soltanto due saranno finanziate (Cassinasco e Carezzano), rientrando perpoco nei primi 146 posti.

Lo stesso in Lombardia, dove, in provincia di Pavia, nessuna delle 144 domande risulta te idonee è rientrata nei finanziamenti - il primo in graduatoria, Corvino San Quirico, è risultato 218esimo) e dove gli 88 Comuni bergamaschi richiedenti non hanno superano la cinquecentesima posizione; se il ministro interrogato non intenda assumere la più presto le opportune iniziative di
carattere normativo al fine di modificare i criteri di assegnazione dei contributi previsti per i prossimi due anni...(ndr)

 


  • Adsense slot ID 9166920842">