Politica & Istituzioni

"Gay pride ad Asti? e perchè no?"

Scritto da La redazione Giovedì, 12 Lug 2018 - 0 Commenti

Così scrive Angela Quaglia, consigliere del comune di Asti, sul suo profilo Facebook.com...

Così scrive Angela Quaglia, consigliere del comune di Asti, sul suo profilo Facebook.com...

Ho letto la presa di posizione del Sindaco Rasero che, dopo aver partecipato al pride di Alba, ha ipotizzato che una manifestazione analoga possa essere organizzata ad Asti. 

Non voglio parlare di quanto scritto da alcuni esponenti della maggioranza (o di area), che, nei commenti al medesimo post, si sono detti contrari a tale ipotesi. Questi commenti, al di là del loro (in alcuni casi) pessimo gusto, dimostrano che – nella maggioranza – ci sono divisioni profondissime. Divisioni che, dopo una campagna elettorale all’insegna del “tutti insieme purché si vinca”, stanno rapidamente venendo a galla. 

Credo invece che sia giusto riconoscere quando un avversario politico ha ragione. E, secondo me, questa volta il Sindaco ha pienamente ragione. 

Voglio partire dalle critiche che la proposta del Sindaco ha ricevuto da parte di alcuni cittadini, i quali hanno scritto che “ci sono altre priorità”, che il gay pride sarebbe una “carnevalata” , che “certe cose van fatte a casa propria”. 

Quanto alle altre priorità, non vedo come una manifestazione a costo zero e che viene organizzata autonomamente dalle associazioni promotrici possa sottrarre tempo e risorse all’attività dell’amministrazione su altri fronti. 

Venendo, poi, al fatto che certe manifestazioni possano essere delle “carnevalate”, i gusti – per fortuna! – sono soggettivi (proprio ad Alba, ad esempio, il gay pride è stato una manifestazione colorata e vivace, ma assolutamente decorosa). In ogni caso, l’essere o meno una “carnevalata” non è di per sé un buon motivo per vietare o permettere una manifestazione: lo dimostrano i leghisti a Pontida a cui – nonostante elmi da vichinghi, il dio Po, riti celtici e ampolle di acqua padana – nessuno ha finora negato la possibilità tenere ogni anno la propria adunata. 

Quanto, infine, al fatto che determinate tendenze sessuali debbano essere nascoste, penso che la libertà di sposare certe opinioni, di professare una certa religione e – appunto – di avere un determinato orientamento sessuale abbia senso fintantoché può essere manifestata. Così come non si è realmente liberi di avere una certa opinione o di professare un certo credo se non lo si può dire pubblicamente, non si è davvero liberi di scegliere la propria sessualità se la si deve tenere nascosta. 

Certamente, ci sono rivendicazioni del mondo LGBT – la possibilità di sposarsi (al momento in Italia esistono solo delle unioni simili, ma non coincidenti con il matrimonio) o di adottare, solo per fare qualche esempio – che dividono l’opinione pubblica e sui cui, tra i cittadini, ci sono sensibilità diverse. Ma il presupposto della democrazia è proprio che opinioni diverse possano essere manifestate liberamente; e, in questo modo, scontrarsi con le opinioni di chi la pensa diversamente. Poter organizzare una manifestazione pubblica è un modo di esercitare il diritto di esprimere un’opinione: vale per i partiti, vale per i sindacati, vale per qualsiasi movimento e non vedo perché non dovrebbe valere per il mondo gay. 

Quindi, a prescindere da come la si pensi nel merito sulle istanze LGBT, consentire alle persone/associazioni/movimenti che fanno parte di questo mondo di esprimersi costituisce un’applicazione elementare del principio – che, sbagliando, ci piace attribuire a Voltaire – “Non sono d'accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo”. 

In conclusione, non solo voglio complimentarmi con il Sindaco per la sua presa di posizione, ma anzi invito lui e tutto il consiglio comunale a discutere quanto prima una data per consentire ai promotori della manifestazione di Alba, se lo vorranno, di organizzarne una analoga nei prossimi mesi ad Asti.

Io annuncio sin da ora il mio sostegno: la libertà dei cittadini si difende anche così. 

Angela Quaglia

  • Adsense slot ID 9166920842">