Tu sei qui

Dalla UE 6 milioni di euro per la promozione del Consorzio dell'Asti e dell'enogastronomia

-

Si chiama “Enjoy it’s from Europe” il progetto che nei prossimi tre anni porterà l’eccellenza dell’enogastronomia piemontese in tour negli Stati Uniti.

La Commissione UE ha riconosciuto, infatti, un investimento di 6 milioni di euro al Consorzio per la Tutela dell’Asti, che si è aggiudicato un apposito bando per l’informazione, conoscenza e promozione delle Denominazioni di Origine Protette europee.

Su 10 progetti italiani ammessi ad usufruire di questi importanti contributi (per un totale di 30 milioni di euro), quello che vede come capofila il Consorzio dell’Asti, in partnership con l’Istituto di Valorizzazione dei Salumi italiani e il Consorzio di Tutela del Provolone Valpadana, è stato il primo in termini di investimenti e l’unico piemontese.

Tra le finalità è prevista anche un’azione sinergica di coinvolgimento delle realtà rappresentative di eccellenze produttive IGP e DOP del territorio che desiderano avvicinarsi ed esplorare il mercato statunitense, offrendo un’importante opportunità di vetrina ai piccoli produttori e generando ricadute positive sia sul settore agroalimentare che nel turismo.

Il valore complessivo del progetto è di oltre 5,9 milioni di euro di cui 4,8 milioni (cioè l’80%) stanziati dall’Unione europea e 1,2 milioni di cofinanziamento da parte dei beneficiari.

Le azioni saranno rivolte in modo specifico al mercato degli USA e partiranno nell’autunno 2017 con una durata triennale. Verranno organizzati eventi, conferenze stampa e workshop rivolti agli operatori del settore (importatori, buyers, distributori, responsabili del canale hotel-ristoranti-caffè, media, stampa specializzata e blogger).

Ma saranno realizzate anche attività rivolte al grande pubblico, con 240 mila menù degustazioni in ristoranti top di NY-Manhattan, Chicago,Washington, Miami, Los Angeles, San Francisco, Seattle e Las Vegas, e la promozione di 90 Lifestyle Week (30 all’anno) con aperitivi ed happy hour in locali selezionati di località turistiche e frequentate di California e Florida. Verranno allestiti, inoltre, 1.200 corner di informazione e degustazione in supermercati e negozi sia specializzati che della Grande Distribuzione, oltre al lancio di una massiccia campagna social.

"Esattamente due anni fa avevo invitato in Piemonte uno dei massimi funzionari della Direzione Agricoltura della Commissione Ue, Diego Canga Fano, per capire in che modo intercettare le nuove risorse europee - sottolinea l’eurodeputato Alberto Cirio - Quello che presentiamo oggi è il risultato: l’Europa ha compreso e premiato la ratio del nostro progetto, che fa sinergia tra eccellenze e rende i grandi produttori un traino dei piccoli, permettendo a realtà che da sole non ne avrebbero mai avuto la forza di partecipare ad un’attività di promozione internazionale. Sono particolarmente soddisfatto perché si tratta di fondi diretti, che arrivano direttamente da Bruxelles e che in passato non eravamo mai riusciti ad ottenere. Siamo già al lavoro per presentare due nuovi progetti nella prossima call, questa volta mirati al Sud-Est Asiatico e al mercato europeo. È solo l’inizio: le risorse dell’Europa devono tornare nella nostra terra".

"Il Consorzio per la Tutela dell’Asti docg è il capofila di questo progetto - spiega Giorgio Bosticco, direttore del Consorzio - per la realizzazione di attività di informazione, educazione e promozione delle denominazioni di Origine Protette. Il mercato degli Stati Uniti, primo Paese per l’esportazione dei vini italiani con un trend di crescita  per il consumo degli spumanti, è stato ritenuto strategico, insieme alla Cina, quale area per indirizzare le risorse europee da investire. Il nostro piano prevede azioni e attività finalizzate a far conoscere ai consumatori finali, giornalisti, opinion leader, operatori professionali, buyer,  HoReCa and retail operator,  sommelier, trade e media americani le peculiarità delle nostre produzioni, il territorio, la cultura, la storia e le bellezze paesaggistiche di origine".

 

 

Commenta con il tuo account Facebook!