Sport

Dal torpore esce un Toro scatenato che liquida la Lazio nella ripresa (3 a 1)

Scritto da Redazione Lunedì, 27 Mag 2019 - 0 Commenti

Gara decisa nel secondo tempo dai gol di Iago Falque, Lukic e De Silvestri. Il saluto del pubblico granata a capitan Moretti. Dopo un primo tempo soporifero, nella ripresa si vede un altro Toro. Record di punti nella gestione Cairo: 63. 7° posto e qualche chance per l'Europa League.

Chiusura con il botto al "Grande Torino". i granata vincono 3-1 contro la Lazio (che disputerà comunque l’Europa League grazie al trionfo in Coppa Italia) congedandosi dal proprio pubblico nel migliore dei modi.

La gara, caratterizzata dall’addio al calcio del capitano Emiliano Moretti (diventerà dirigente nel club), è stata decisa dalle marcature di  Iago Falque, Lukic e De Silvestri.

"Un uomo vero, un condottiero. Il popolo granata hai reso fiero. Grazie Emiliano”. E’ lo striscione con cui la Curva Maratona ha salutato il difensore granata.  Parte subito forte il Toro che già nel primo tempo si proietta in avanti pur senza mai impensierire realmente la difesa biancoceleste. Morale della favola: i primi 45′ di gioco terminano a reti inviolate, senza alcuno squillo su entrambi i fronti..

Alla ripresa del giooco entra in campo un "altro" Toro (la ramanzina di Mazzarri avrà dato utili frutti) che abbina concretezza ed orgoglio a idee molto più chiare sul da farsi. Ovvero come prendere per il bavero la Lazio..

L’episodio che cambia il match arriva al 51′: Ola Aina effetta una rmessa laterale lunga ed a sorpresa pescando Iago Falque in area, che da pochi passi, indisturbato, batte senza difficoltà Proto.

Trascorrono due minuti e il Toro cala il bis: lancio in profondità di Meite per Lukic che dribbla il portiere e insacca, a porta sguarnita, la palla del 2-0. Un uno - due implacabile che pare chiudere l'incontro.

Ma non è così. La Lazio prova reagisce e al 66′, accorcia le distanze con Immobile (su assist di da Badelj). Ex sufficientemente con il dente avvelenato (ma perchè?).

Per fortuna i granata tengono botta e Sirigu risponde da grande campione qual'è in due circostanze: prima devia una botta a colpo sicuro di Immobile e poi smanaccia la palla indirizzata da Badelj, togliendola dall'incrocio e mandandola in angolo (72' e 76').

A chiudere i conti ci pensa all' 80' De Silvestri abile a battere in rede una respinta di Proto su conclusione esaltante di Zaza. 

Poi la fine con il Toro al 7° posto finale con qualche speranziella di poter entrare i Europa League, ed i giocatori in campo con famiglia a correre su tutto l'anello per ricevere l'applauso e salutare  il caloroso pubblico granata.

a. fu.

Torino-Lazio 3-1

TORINO: Sirigu; Izzo (38′ st Moretti), N’Koulou, Bremer (34′ st Rincon); De Silvestri, Meite, Lukic, Aina; Baselli, Iago Falque (23′ st Zaza); Belotti.  All. Mazzarri.
LAZIO:: Proto; Bastos, Acerbi, Radu (37′ st Capanni); Romulo, Parolo, Badelj, Jordao (13′ st Durmisi), Lulic; Cataldi; Immobile .  All. Inzaghi.

MARCATORI: 51’st Iago Falque (T), 53’st Lukic (T), 66’st Immobile (L), 80’st De Silvestri (T).

ARBITRO: Abisso di Palermo