Politica & Istituzioni

Creare la Provincia Autonoma del Pinerolese e Valli Occitane: No dal Comitato per l'Autonomia Piemont

Scritto da La redazione Domenica, 10 Feb 2019 - 0 Commenti

E' stata avanzata da Roberto Rosso (FdI). “E’ fuorviante ed allontana da un percorso verso l’autonomia subalpina subalpina”.

La petizione proposta da Roberto Rosso, esponente di Fratelli d’Italia , per una "Provincia Autonoma di Pinerolo e delle Valli Occitane" non piace al Comitato per l’Autonomia Piemont che ha rilasciato, attraverso i componenti del comitato di coordinamento, Carlo Comoli, Massimo Iaretti ed Emiliano Racca, questa dichiarazione.

E’ un mero proclama elettorale che rischia di far perdere di vista il vero obiettivo, ovvero la vera autonomia del Piemonte. Non è, infatti, ‘cantonalizzando’ e frammentando l’identità territoriale della regione e correndo dietro a traguardi, al momento, irrealizzabili, che si porta avanti un discorso di autonomia politica, legislativa e, soprattutto, finanziaria e tributaria del Piemonte, semmai lo si affossa".

"Innanzitutto - sostengono i rappresentanti del Comitato - per arrivare questo a traguardo occorrerebbe una Legge Costituzionale e, ad oggi, non ci sono i numeri né le condizioni nella sede che conta, il Parlamento. In secondo luogo parlare di province, ancorché autonome, quando il loro futuro è incerto, è solo fare aria fritta".

"Come Comitato per l’Autonomia Piemont - ribadiscono - riteniamo sia preferibile portare avanti un discorso che riguardi tutto il territorio subalpino ed il Sistema Piemonte nel suo insieme, partendo dalla costituzione di una rete nelle amministrazioni comunali di sindaci, assessori, consiglieri che vogliano lavorare da subito e quotidianamente a sostegno dell’agricoltura, della collina, della pianura, della montagna piemontesi e delle sue radici identitarie, piuttosto che cercare di prendere sogni con il retino delle farfalle".

"Siamo, invece, disponibili - concludono - ad incontrare in tempi brevi coloro che nel Pinerolese e nelle Vallate Alpine vogliono condividere questo nostro Progetto, che è un Progetto per il Piemonte e lavorare insieme a loro".