Economia & Lavoro

Chieri, accordo Embraco - Sindacati Ok: i 497 licenziamenti slittato a fine 2018

Scritto da La redazione Martedì, 27 Mar 2018 - 0 Commenti

Le parti hanno trovato l’intesa sugli incentivi all'esodo nel corso dell'incontro all'Amma. Da 60 a 30 mila euro per chi lascia l'azienda nei prossimi mesi

Sindacati ed Embraco hanno raggiunto l’accordo: i licenziamenti sono congelato fino alla fine dell’anno. Dopo l’incontro di giovedì scorso risoltosi con un nulla di fatto, quello di stamattina all’Amma ha riservato la fumata bianca perché le due parti hanno trovato l’intesa sugli incentivi all’esodo.

Trovato l'accordo,  è stato raggiunto sul rush finale (la procedura scadeva infatti tra due giorni), sugli incentivi all'esodo, ritenuti troppo bassi nell'incontro di giovedì scorso. Chi lascerà l'azienda entro aprile otterrà 60mila euro, 50 mila chi andrà via a maggio, 35mila chi lascerà l'azienda tra giugno e agosto, 30mila da settembre a dicembre.

La parti si sono poi trasferite presso la sede della Regione Piemonte per rendere ufficiale il tutto: i 497 licenziamenti annunciati nei mesi scorsi dall’azienda saranno congelati fino alla fine del 2018.

L’intesa prevede inoltre la reindustrializzazione dello stabilimento di Riva di Chieri.


Le parti si sono spostate ora in Regione Piemonte, per la firma del verbale di accordo presso l'assessorato al Lavoro.L'intesa ratifica la sospensione, fino a fine anno, dei 500 licenziamenti a Riva di Chieri, come previsto dall'accordo siglato al Ministero dello Sviluppo Economico lo scorso 2 marzo.

"Conclusa la procedura amministrativa afferma Gianna Pentenero, assessore regionale al lavoro - inizia adesso un percorso che dovrà vedere tutte le parti impegnate nell’attuazione piena di quanto previsto dall’intesa raggiunta a inizio marzo al Ministero dello Sviluppo economico. La Regione conferma naturalmente il proprio impegno nel percorso di riqualificazione e ricollocazione dei lavoratori che dovrà andare di pari passo con il processo di re-industrializzazione per cui è previsto un nuovo incontro lunedì 9 aprile al Mise”.
   


  • Adsense slot ID 9166920842">