Salute & Ambiente

Casale M.to, nella "Vita a impatto zero" con il CPD un "Monferrato per tutti"

Scritto da La redazione Venerdì, 20 Apr 2018 - 0 Commenti

Una Campagna di azione, reazione e sensibilizzazione contro le barriere mentali e architettoniche Processi di innovazione dove si aprono nuove idee e si auspicano nuove favorevoli condizioni. Molto sta a noi, e quale società desideriamo concretizzare, per questo, ci stiamo impegnando insieme perché il futuro è adesso.

 

Nell'ambito dell'evento "Vita a impatto zero" di venerdì prossimo, 27 aprile, la Confraternita degli Stolti in collaborazione con Enti, realtà associative e il CPD (Consulta persone in difficoltà) presenterà: “Non fare il gradino...”.

Una Campagna di azione, reazione e sensibilizzazione contro le barriere mentali e architettoniche al fine di costruire un “Monferrato per Tutti”. Processi di innovazione dove si aprono nuove idee e si auspicano nuove favorevoli condizioni. Molto sta a noi, e quale società desideriamo concretizzare, per questo, ci stiamo impegnando insieme perché il futuro è adesso, perché è nostro.

Fin dal mattino, il sarcastico ma concreto "Non fare il gradino…", sarà uno dei workshop curato da Max Biglia e Alberto Marello presso il Parco Eternot di Casale Monferrato, a cui esperti, insegnanti e studenti parteciperanno per condividere esperienze e tentare di apportare qualità e migliorie alla vita di ognuno.

Progettare un luogo e un’attività turistica accessibile dove, oltre agli aspetti paesaggistici, storici, architettonici, sociali vi è il concepimento dell’inclusione e la fruizione da parte di persone con esigenze specifiche o con problemi motori e percettivi di itinerari turistici-naturali-culturali per apprezzare le peculiarità di un territorio o la "semplice" quotidianità del vivere con civiltà, cultura, progresso, dignità, bellezza e benessere.

Nel pomeriggio invece l’appuntamento è alle ore 15,30 (davanti al Teatro Municipale) per camminare insieme e “Skarrozzare” per Casale Monferrato, con amici, compagni di viaggio, esploratori, diversamente uguali.

“Aderire a questa giornata, partecipare, esserci è molto importante, più di ogni parola e più delle stesse barriere architettoniche che spesso sono meno “barriere” di quelle mentali, talvolta le paure, molto spesso la scarsa intelligenza non consentono di comprendere che alcune tematiche sono e dovrebbero essere d’interesse comune e non solo delle minoranze. Perché tutto quanto concerne un problema, una differenza, la disabilità sono ancora visti con occhi guardinghi. Dunque, come poter pensare e cambiare il modo in cui guardiamo ai problemi e al tema disabilità? Abbattendo le barriere mentali che circondano ogni aspetto della vita quotidiana. Nessuna pietà o particolare compassione, ma solo ragione e civiltà per un modo di vivere inclusivo e attento che va dai marciapiedi ai gradini, dai caffè ai musei, ai luoghi commerciali e di svago". 

Nel corso della giornata, per questo specifico progetto ci sarà una diretta radio oltre la registrazione di un video-spot collettivo.

 

 


  • Adsense slot ID 9166920842">