Politica & Istituzioni

Casale M.to, i veleni sulle elezioni amministrative del 26 maggio scorso

Scritto da La redazione Venerdì, 28 Giu 2019 - 0 Commenti

Un volantino pubblicato con commento all'origine della denuncia. Per tale evento Luca Gioanola nella giornata del 26 maggio formalizzava la querela negli uffici del Commissariato cittadino.

La Polizia di Casale Monferrato (Alessandria), ha segnalato all’Autorità giudiziaria due persone responsabili di reati commessi attraverso l’utilizzo del social network FaceBook.

L’attività d’indagine condotta dalla Squadra Informativa del Commissariato di P.S. cittadino ha permesso di identificare e segnalare alla competente Autorità Giudiziaria, per il reato di diffamazione aggravata, L.F. di 30 anni originario di Casale M.to ma residente nel comune di Valmacca (Alessandria), il quale durante la scorsa campagna elettorale e precisamente il 25 maggio pubblicava sul gruppo denominato “Sei di Casale Monferrato se…(senza limitazioni)”, l’immagine di un volantino che era stato affisso nei pressi dell’ospedale Santo Spirito che oltre a ritrarre il disegno di “Topo Gigio”, conteneva frasi denigratorie nei confronti del candidato sindaco del P.D. Luca Gioanola con il commento aggiuntivo dell’indagato: “Bravi casalesi siate creativi”.

Per tale evento Luca Gioanola nella giornata del 26 maggio successivo formalizzava la querela negli uffici del Commissariato.