Economia & Lavoro

A Caluso l'assemblea di Confagricoltura Torino: il cambio generazionale

Scritto da La redazione Giovedì, 8 Mar 2018 - 0 Commenti

Il settore primario sta attraversando un periodo di grande trasformazione: da un lato l’innovazione si conferma elemento essenziale per garantire alti standard di sostenibilità ambientale e facilitare il lavoro nei campi, grazie proprio alla tecnologia e all’agricoltura di precisione.

Doppio appuntamento di Confagricoltura Torino domani, venerdì 9 marzo a Caluso: l’organizzazione professionale agricola è chiamata al rinnovo del consiglio direttivo provinciale per il prossimo triennio, con l’elezione dei primi nove membri dell’esecutivo 2018/2020.

L’assemblea generale, all’Oratorio Sant’Andrea di Caluso, si aprirà quindi con la relazione del presidente, l’elezione dei nove componenti del prossimo consiglio direttivo, dei probiviri e dei revisori dei conti.

Si avvia così una nuova fase per Confagricoltura Torino, che entro l’estate sceglierà il nuovo presidente per il prossimo triennio. E’ infatti in scadenza il secondo mandato del presidente Paolo Dentis, che ha guidato l’Unione Agricoltori di Torino dal 2012 ad oggi.

Il settore primario sta attraversando un periodo di grande trasformazione: da un lato l’innovazione si conferma elemento essenziale per garantire alti standard di sostenibilità ambientale e facilitare il lavoro nei campi, grazie proprio alla tecnologia e all’agricoltura di precisione.

Nel contempo il miglioramento dei livelli qualitativi dei prodotti agricoli, più salubri e in alcuni casi vere eccellenze del food Made in Italy, impongono un impegno continuo delle aziende in termini di processi produttivi green e di promozione.

Il ricambio generazionale nel settore primario, seppur lento, affianca il cambiamento in atto verso queste nuove forme di agricoltura. L’Italia è ancora indietro, rispetto ai principali Paesi europei, per numero di aziende agricole condotte da giovani, tuttavia i Programmi di Sviluppo Rurale 2014 – 2020 stanno dando un po’ di linfa nel favorire il passaggio generazionale.

Secondo i dati Eurostat, le imprese agricole italiane condotte da "under 40", seppur in aumento del 12% negli ultimi due anni, sono appena il 5,1% del totale, quasi un punto e mezzo in meno rispetto alla media europea, che si attesta al 6,5%.

Per dare slancio a questo processo evolutivo occorre conoscere e utilizzare gli strumenti che il legislatore mette a disposizione, a diversi livelli. Confagricoltura Torino ha quindi colto l’appuntamento dell’assemblea generale come momento di approfondimento dedicato al tema, organizzando il convegno post assemblea “Ricambio generazionale in agricoltura - Patti di famiglia, testamento, donazione e successione”, in programma sempre nel Salone dell’Oratorio Sant’Andrea a Caluso.

Il convegno avrà per relatori l’avvocato Lorenzo Bianco, che si soffermerà sugli aspetti civilistici del ricambio generazionale in agricoltura, e il notaio Michele Testa, che illustrerà i patti di famiglia, il testamento, le donazioni e le successioni.  L’apertura è affidata al presidente uscente di Confagricoltura Torino, Paolo Dentis, mentre le conclusioni saranno a cura del componente di Giunta nazionale di Confagricoltura, Luca Brondelli di Brondello.

Alle 13, al termine del convegno, è previsto il pranzo al Ristorante Erbaluce, sempre a Caluso.

  • Adsense slot ID 9166920842">