Cronaca

Bra, assalto della città per “Aperitivo in consolle”: numerose le violazioni

Scritto da La redazione Sabato, 9 Giu 2018 - 0 Commenti

Continuano i controlli dei carabinieri della Compagnia di Bra, in occasione della manifestazione “Aperitivo in consolle”, con il quarto evento in programma, svoltosi nella tarda serata di ieri nel centro cittadino.

Continuano i controlli dei carabinieri della Compagnia di Bra, in occasione della manifestazione “Aperitivo in consolle”, con il quarto evento in programma, svoltosi nella tarda serata di ieri nel centro cittadino.

I servizi sono stati effettuati con il coordinamento del Comando Provinciale Carabinieri di Cuneo, mediante l’impiego di 13 pattuglie e 27 carabinieri, che hanno eseguito numerosi posti di controllo nelle aree interne ed esterne alla manifestazione al fine di contrastare l’abuso di bevande alcoliche e il consumo di stupefacenti.

Le attività hanno portato all’identificazione di 159 soggetti, al controllo di 129 autoveicoli ed all’effettuazione di numerosi interventi di soccorso, richiesti dai cittadini attraverso il “112-NUE”.

Sono state rilevate e contestate 3 violazioni al codice della strada per “guida in stato di ebbrezza” e conseguente ritiro di 3 patenti: due violazioni superavano la soglia di 0,80 g/l per cui è scattato il deferimento alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Asti. Sono state inoltre contestate 15 violazioni al Codice della Strada e comminate sanzioni per 12.000 euro.

I controlli hanno portato anche all’accertamento di violazioni in materia di sostanze stupefacenti ed alla contestazione amministrativa, in qualità di assuntori, nei confronti due giovani studenti residenti in Bra, trovati in possesso di hashish e marjiuana. Entrambi verranno segnalati alla Prefettura di Cuneo.

Prezioso è stato anche il supporto dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Cuneo, il cui personale ha proceduto al controllo di esercizi commerciali aderenti alla manifestazione. Presso uno dei locali sono stati identificati tutti i lavoratori: tre di loro sono risultati irragolari.

Al titolare è stata comminata una sanzione di 9.000  euro per violazione della Legge 183/2010, che regola i rapporti di lavoro. Avendo superato la soglia del 20% di lavoratori irregolari è scattata anche la “sospensione dell’attività imprenditoriale” nonché un’ulteriore sanzione di 2.000 euro.  


  • Adsense slot ID 9166920842">