Tu sei qui

Verzuolo, sventata truffa ad anziana: falso ispettore tenta di entrare in casa arrestato

-

Nei giorni scorsi, i Carabinieri di Saluzzo hanno predisposto uno specifico servizio finalizzato alla prevenzione dei reati  di furto e rapina. Il dispositivo composto da numerosi uomini e mezzi, si è concentrato nell’area dei comuni di Saluzzo, Verzuolo e Costigliole, nonché nei territori della Valle Po, al confine con la provincia di Torino.

Significativi i risultati conseguiti: una pattuglia della Stazione di Costigliole Saluzzo, impegnata in un servizio di perlustrazione nelle zone più isolate dell’omonimo comune e di quello di Verzuolo, dove già in passato si erano verificati furti o truffe in danno di anziani, ha arrestato in flagranza di reato un individuo originario della provincia di Torino, ritenuto responsabile di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Verso le 11 del mattino i militari, nel transitare in una via secondaria a ridosso della strada provinciale 589, notavano un giovane armeggiare in un vano per i contatori della rete idrica e a breve distanza dallo stesso, una donna anziana che gli comunicava qualcosa gesticolando.

Insospettiti dalla presenza e dall’atteggiamento dell’uomo, completamente sprovvisto di abbigliamento idoneo decidevano di sottoporlo a controllo. Avvedutosi di essere stato scoperto si dava a precipitosa fuga cercando di coprirsi il volto con il giubbotto; raggiunto e bloccato dai militari, l’uomo oltre a farli oggetto di una sostanza urticante, non esitava a colpirli con calci e pugni.

I successivi, accertamenti consentivano di appurare che il soggetto in questione, probabilmente con l’aiuto di un complice a bordo di un veicolo, si stava prodigando nel tentativo di truffare l’anziana donna qualificandosi come un tecnico delle “acque potabili”. Adducendo quale altra scusa, per poter entrare nell’appartamento della vittima prescelta, che non ci cascava, quella di dover fare dei controlli sull’intera rete idrica.

A riscontro della professionalità del falso tecnico nie modi di agire in danno di persone anziane, veniva scoperto nel suo marsupio: uno scanner funzionante sintonizzato su una frequenza radio, una bomboletta di spray a base di peperoncino, un paio di guanti da lavoro, diversi accessori per travestimento, un apparecchio per rilevare la presenza di metalli, dei piccoli petardi da sala, generalmente impiegati per simulare la presenza di odori di gas ed un cartellinoche riportava un nominativo fittizio e la qualifica di “operatore delle acque potabili – controllo contatori”, il tutto sottoposto a sequestro.

Il soggetto veniva arrestato, con l’accusa di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale e contestualmente deferito in stato di libertà per il reato di tentata truffa. Veniva trattenuto nelle camere di sicurezza della caserma di Saluzzo, per poi essere condotto dinanzi al GIP del Tribunale di Cuneo per l’udienza di convalida dell’arresto con giudizio direttissimo.

Sono in corso indagini finalizzate ad accertare il coinvolgimento dell’indagato per altri episodi di truffa o furto, commessi con lo stesso modus operandi.

Commenta con il tuo account Facebook!