Sport

Toro, la vittoria sull'Udinese (2 a 0) mantiene la corsa verso l'Europa

Scritto da La redazione Domenica, 11 Feb 2018 - 0 Commenti

E' proprio il Toro targato Mazzarri (in tribuna per squalifica), quello che ha superato (2 a 0), pur con qualche sofferenza, l'Udinese a trazione anteriore disegnata da Oddo. In silenzio e con grande determinazione il tecnico toscano ha lavorato in primis sulla testa dei giocatori seguito da un modo di concepire il calcio utilizzando al meglio l'apporto tecnico della squadra.Intanto trovato il bandolo della matassa difensiva (che coppia centrale Burdisso - N'Koulou!), con due esterni difensivi sempre al meglio (De Silvestri "mascherato" per l'operazione al naso sempre cursore pericoloso di destra, mentre Molinaro ha avuto qualche pausa).

E' proprio il Toro targato Mazzarri (in tribuna per squalifica), quello che ha superato (2 a 0), pur con qualche sofferenza, l'Udinese a trazione anteriore disegnata da Oddo. In silenzio e con grande determinazione il tecnico toscano ha lavorato in primis sulla testa dei giocatori seguito da un modo di concepire il calcio utilizzando al meglio l'apporto tecnico della squadra.

Intanto trovato il bandolo della matassa difensiva (che coppia centrale Burdisso - N'Koulou!), con due esterni difensivi sempre al meglio (De Silvestri "mascherato" per l'operazione al naso sempre cursore pericoloso di destra, mentre Molinaro ha avuto qualche pausa).

Un centrocampo che con il trio Rincon - Obi - Baselli pare avviato nel trovare la giusta dimensione, mentre l'attacco oltre a Niang in forte crescita per l'economia della squadra ed il sempre vivace Yago Falque, ha ritrovato il Belotti (nella foto sportmediaset.it) dei vecchi tempi autore di un gol da cineteca quelli che i tifosi sono abituati dal Gallo "prima maniera" avviato a trovare la forma migliore. Un Toro quindi che incomincia ad appassionare i tifosi contenti di aver ritrovato il loro vero ed unico alfiere.

I fatti salienti della gara

Al 17′, dopo che Yago aveva colpito la traversa a Bizzarri, arriva inaspettato il gol dell'Udinese realizzato da Barak: Lasagna di testa coglie la traversa su cross di Widmer, sulla ribattuta arriva pronto lo stesso Lasagna che, con la deviazione di N’Koulou, riesce a servire il centrocampista ceco. Conclusione sporca, ma vincente. Sarebbe 1-0, ma dopo cinque minuti di controlli vari con il VAR, al 22' la rete viene annullata per una posizione irregolare di Maxi Lopez sul cross di Widmer. L’attaccante ha disturbato in maniera decisiva Burdisso, nonostante non sia entrato in contatto con la sfera. Si rimane sullo 0-0.

Ma al 32' è il Toro ad andare in vantaggio: colpo di testa precisodi N'Koulou che sfrutta al meglio un calcio d’angolo di Falque e batte Bizzarri.

Ripresa con i granata pericolosi nel tentativo di chiudere la gara ed al 66' ecco la "perla" di Belotti. In contropiede, il capitano granata fa tutto da solo con una progressione inarrestabile dalla trequarti: dribbling secco su Nuytinck, elusa la marcatura di Samir e diagonale preciso alle spalle di Bizzarri. Belotti torna ad alzare la cresta!

Torino-Udinese 2-0

TORINO: Sirigu, De Silvestri, N’Koulou, Burdisso, Molinaro, Baselli, Rincon, Obi (62′ Moretti ), Falque, Belotti, (88′ Berenguer), Niang (71' Ansaldi). All. Frustalupi.

UDINESE: Bizzarri, Larsen (79′ Hallfredsson), Samir, Nuytinck, Widmer, Barak, Behrami (67' De Paul), Jankto, Zampano, Maxi Lopez, Lasagna (54' Perica).. All. Oddo.

Marcatori: pt 32′ N’Koulou (T), 66' Belotti (T)

Arbitro: Abisso di Palermo


  • Adsense slot ID 9166920842">